auto ‘buca’ alt, Cc arrestano pusher

PONTEDERA (PISA) - Aveva forzato l'alt, imposto dalla pattuglia della polizia stradale sulla via Tosco-Romagnola, a Pontedera (Pisa), ed era fuggita a gran velocità: l' auto poi è stata raggiunta e bloccata dai carabinieri. Alla guida c'era un marocchino di 25 anni, clandestino e senza fissa dimora, che aveva nascosto nel cruscotto 60 grammi di cocaina in pietra e 1.640 euro in contanti che è stato arrestato.

Sulla strada, inoltre, poco più avanti rispetto al posto di controllo forzato dall'auto, dal lato passeggero era saltata fuori e poi fuggita a piedi un'altra persona non ancora identificata. I carabinieri cinofili di San Rossore, hanno recuperato un ulteriore involucro, lanciato fuori dall'auto in corsa, con altri 1.700 euro in banconote di diverso taglio.

Carabinieri e polizia stradale al termine di una perquisizione presso il domicilio del marocchino arrestato sono stati ritrovati e sequestrati altri 2.360 euro in banconote di diverso taglio, ritenute provento dello spaccio. Ma le attività di ricerca si sono ulteriormente protratte, verso un'altra automobile, sempre nella disponibilità dell'uomo e parcheggiata poco lontano dalla casa, dove l'unità cinofila dei carabinieri ha individuato nella consolle alzacristalli, in corrispondenza del medesimo nascondiglio utilizzato sull'altra auto, una decina di involucri contenenti 600 grammi di cocaina in pietra.

Difatti, carabinieri e agenti della stradale hanno rinvenuto, suddivisa in involucri da 60 grammi circa ciascuno, altri 600 grammi di cocaina in pietra. La droga, una volta trattata, viene tagliata per essere immessa sul mercato dove avrebbe fruttato decine di migliaia di euro.

Condividi questo articolo

Pubblicità