Mascagni , omaggio in musica davanti alla tomba

Nel giorno di Pasquetta, a Livorno, c’è stato un insolito e gradito omaggio alla musica di Pietro Mascagni, proprio di fronte alla sua tomba monumentale. Un servizio è nei nostri telegiornali del 2 aprile.

Tomba Mascagni a Livorno

La tomba monumentale di Pietro Mascagni a Livorno

“Ricordando Pietro Mascagni” è stato un omaggio attraverso un breve concerto vocale–strumentale al grande compositore livornese, creatore e fondatore con la sua opera prima, Cavalleria rusticana, del filone del teatro musicale verista.

Il filo che unisce Lucca Lucca e Livorno

L’iniziativa, voluta ed organizzata dal “Circolo Amici della Musica Alfredo Catalani” di Porcari e Lucca, ha avuto il patrocinio del Comitato Promotore Maestro Pietro Mascagni e della Fondazione Teatro Goldoni, in collaborazione con la Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Livorno.

Protagonisti due affermati talenti livornesi, il mezzosoprano Laura Brioli e la pianista Scilla Lenzi.

In apertura c’è stata la giovanile “Pena d’amore”, una romanza per canto e piano che Mascagni compose ventiduenne su testo di Antonio Ghislanzoni. Poi abbiamo ascoltato “Cuore, come un fiore” (da Zanetto), Sogno (da Guglielmo Ratcliff), “O pallida, che un giorno mi guardasti” (da L’amico Fritz), Intermezzo (da Cavalleria Rusticana) e la celebre “Voi lo sapete, o mamma” (da Cavalleria Rusticana).

I protagonisti del concerto

Nel comunicato stampa della Fondazione Goldoni si forniscono alcune notizie sui due protagonisti del concerto.

Laura Brioli, noto mezzosoprano romagnolo ma da molti anni livornese di adozione, ha cantato nei maggiori teatri italiani e esteri (Regio di Torino, Regio di Parma, San Carlo di Napoli, Opera di Roma, Comunale di Bologna, Fenice di Venezia, Opernhaus di Zurigo, Festival di Salisburgo, Palau de la Musica Valencia, Auditorium di Barcellona, nei Teatri di Madrid, Strasburgo, Nizza, Liegi, Montecarlo, Amburgo, Montreal, Parigi, alla Staatsoper di Vienna, Municipal di San Paolo del Brasile, ecc.); nei mesi scorsi è stata protagonista in Nabucco di Verdi al Goldoni, dopo i successi ottenuti in titoli quali Cavalleria rusticana (2004, spettacolo di apertura del restaurato Teatro Goldoni), La Gioconda, Aida e Carmen.

Scilla Lenzi svolge attività concertistica in qualità di solista, con cantanti e strumentisti in varie formazioni. In qualità di solista ha registrato per Rai Radio Tre Suite, ha partecipato ad una trasmissione di Rai Uno, inciso per importanti case discografiche ed ha accompagnato al pianoforte Andrea Bocelli in occasione del concerto per il Congresso Mondiale “Pancreas Cancer”. All’attività concertistica affianca quella didattica.

Condividi questo articolo

Pubblicità