Vivicittà nel cuore di Livorno

Vivicittà a Livorno, la partenza

Vivicittà 2018 a Livorno, la partenza

LIVORNO - Vivicittà nel cuore della città per celebrare il 70° anniversario della fondazione della UISP.

Fedele a questo appuntamento giunto alla sua 35 esima edizione, la UISP ha organizzato l'evento con il supporto della Amministrazione Comunale e dell'Autorità Portuale con le quali ha disegnato un percorso suggestivo per le vie e i luoghi più caratteristici della città.

Tre gare previste a scelta di coloro che hanno partecipato a Vivicittà, cittadini come anche podisti profesionisti e non provenienti da diversi luoghi della regione.

Due percorsi di tre e cinque chilometri non competitivi mentre il tragitto lungo di 12 chilometri o mezza maratona ha avuto valore competitivo.

Tra le novità della corsa di questa edizione, l'inserimento nel percorso dell'area della fortezza vecchia per offrire al podista "turista" uno scorcio suggestivo di uno degli angoli più antichi i Livorno e orgoglio del patrimonio storico e culturale della città dei quattro mori.

La manifestazione Vivicittà non è solo sportiva.

Il messaggio che una città può essere vissuta nel suo miglior aspetto ambientale e di sostenibilità, scoprendo, nel semplice camminare, che molte bellezze architettoniche e paesaggistiche, possono essere colte e apprezzate.

La routine del transitare per le vie di Livorno in auto o altri mezzi di locomozione ci rendono spesso indifferenti e frettolosi e il paesaggio si fa indifferente e anonimo.

Una corsa anche per la pace, come provato dal rapporto tra gli organizzatori e l'associazione Terre pour l'Hommes che coordina ogni ricavato per gestire l'invio di aiuti umanitari, in questo caso in Siria.

Il Medio Oriente è nel caos più completo e la massima attenzione va e deve andare nei confronti degli unici innocenti coinvolti in questa guerra intricata e violenta, i bambini.

Partecipare a questa corsa con l'obolo della iscrizione permette di poter essere di aiuto e creare una catena di solidarietà che non ha confini, non conosce lingue o religioni o idee politiche differenti.

Nei nostri notiziari l'evento sportivo della giornata.

Condividi questo articolo su

Pubblicità