FMI: Grassini Vicepresidente nazionale

PISA - FMI, ovvero Federazione moda italiana, il presidente nazionale Borghi ha chiamatoa l suo fianco  Federica Grassini con l'incaricodi v icepresidente nazionale.

Federica Grassini, attuale presidente di ConfcommercioPisa, entra quindi a pieno titolon ella FMI.

La decisione è avvenuta in occasione del Consiglio Nazionale svoltosi a Forlimpopoli.

Una squadra rinnovata fino al 2022 con donne e giovani per la più importante federazione italiana del dettaglio e ingrosso moda.

Il presidente Renato Borghi sarà affiancato da cinque vicepresidenti, all'insegna di una sintesi dei territori e dei settori merceologici: insieme a Pisa, con l'elezione della presidente Grassini, spazio anche per Brescia, Ferrara, Trento e Palermo.

“Con il presidente Borghi, che ringrazio personalmente per questa decisione, avremo da affrontare sfide complesse” - ammette la presidente  Federica Grassini: “dalla necessità diuna riforma fiscale che abbassi tasse a famiglie e imprese, l'introduzione di una web tax per i colossi on line, la formazione specialistica per l'innovazione e la digitalizzazione delle imprese di settore, la lotta senza quartiere ad ogni forma di contraffazione e abusivismo”.

La scalata della presidente Grassini ai vertici di FMI è commentata molto positivamente dal direttore di ConfcommercioPisa Federico Pieragnoli: “L'elezione della presidente Grassini ci riempie di orgoglio e tanta soddisfazione, un segnale inequivocabile e una conferma diretta dell'ottimo lavoro svolto a Pisa in questi anni sul territorio a difesa della categoria.

Penso ad esempio alle tante battaglie e iniziative sul fronte della legalità e della lotta all'abusivismo e alla contraffazione”.

FMI è la più importante Federazione di Settore Moda, dettaglio e ingrosso abbigliamento, calzature, pelletterie, accessori, articoli sportivi, tessilearredamento, in cui operano oltre 72.000 addetti – costituita nel 1949 – che associa oltre 30.000 aziende iscritte nelle rispettive Associazioni provinciali del Sistema Confcommercio.

E' un settore che habi sogno di una attenzione continua poichè è una dellepunt e di diamante con cui riconoscere il Made in Italy e al di ldà egli impegni di chi vi lavora è opportunou n lavoro in sinergia con tutte quelle forzec he possano garantire maggiore sicurezza sui mercati.

Condividi questo articolo

Pubblicità