Pisa. Apertura definitiva delle Mura

 

Pisa. Apertura definitiva delle Mura Antiche

Pisa. Apertura definitiva delle Mura Antiche, un percorso in quota da cui si possono ammirare scorci suggestivi e straordinari

 

 

Pisa e le sue Mura Antiche, un bene restituito alla città. Il progetto di restauro è concluso. Era atteso solo l’affidamento del monumento ad un soggetto gestore capace di garantirne l’apertura, la chiusura e anche l’organizzazione di eventi ed iniziative intorno ad un bene fruibile ma al contempo da custodire per i posteri. Ora è stato trovato ed è stata fissata l’inaugurazione del percorso in quota dopo tante aperture straordinarie.

Il giorno stabilito è quello del 18 maggio. Sarà una giornata di festa quella che darà avvio all’apertura definitiva del monumento a regime quotidiano. Se ne occuperà l’associazione di imprese formata da Società Cooperativa Culture, Itinera e Promocultura che si è aggiudicata la gara.

Si tratta di aziende con esperienza nel settore che già gestiscono importanti luoghi della cultura sul territorio nazionale: il Colosseo, il Foro Romano e Palatino, la Domus Aurea, la Valle dei Templi, le aree archeologiche di Ercolano e Pompei, il Museo del Palazzo Ducale di Venezia, il Museo degli Innocenti di Firenze e il Museo Fattori di Livorno (Itinera). Per la gestione, l’associazione di imprese ha avviato una campagna di assunzioni che porterà all’impiego di 20 operatori specializzati nell’accoglienza e promozione turistica.

«Pisa si riappropria di un bene di assoluto valore, che dopo secoli abbiamo restaurato e ora rendiamo fruibile, un recupero che riempie d’orgoglio i pisani, capace di dare una visione eccezionale dell’impianto urbano. L’apertura a regime segnerà una giornata davvero storica per la nostra città. E’ stato un grande investimento, in un progetto di elevata complessità – spiega il sindaco Marco Filippeschi – Ora, con la gestione assegnata a operatori altamente qualificati, si apre una prospettiva di allargamento dell’offerta turistica. Per i residenti il percorso sarà gratuito, utilizzabile come percorso pedonale o per camminate sportive in sicurezza. I lavori hanno permesso di realizzare inoltre percorsi verdi pedonali e ciclabili sotto le Mura, tolti all’incuria e restituiti ai cittadini».

«L’apertura a regime delle mura integra ed amplia – spiega il vicesindaco Paolo Ghezzi – l’offerta turistica della nostra città offrendo un’altra occasione di sviluppo in questo settore strategico per l’economia locale. Con le mura possiamo guardare con maggiore fiducia alla creazione di una Pisa Card capace di mettere a sistema il patrimonio storico e monumentale di Pisa favorendo la permanenza di media durata. Il camminamento, inoltre, ci permette di focalizzare l’attenzione sui 3 ettari di verde che sono stati restituiti alla comunità attraverso gli investimenti nei progetti Piuss, compreso il parco delle Concette. Uno sforzo importantissimo e dall’esito non scontato».

Nelle scorse ore l’apertura agli organi di informazione. Presente anche l’assessore ai lavori pubblici Andrea Serfogli che ha spiegato che si tratta di una realizzazione resa possibile grazie ad un investimento di 9 milioni di euro metà dei quali e anche più ottenuti come finanziamenti europei del Piuss che Pisa ha saputo conquistare e che hanno coperto il 60% dell’importo.

Un’occasione importante per i pisani che si riappropriano dunque del loro monumento e anche per i tanti turisti italiani e stranieri che arrivano a Pisa per la torre e che potranno vedere la torre e le altre bellezze della città ora anche dal percorso riaperto sopra le Mura Antiche. L’assessore Ferrante ha voluto commentare così: «Con l’apertura delle Mura turisti e pisani avranno la possibilità di vedere Pisa da una nuova prospettiva, e di apprezzare la città sotto una nuova veste, approfondendone ulteriormente la storia e la cultura.»

E da sottolineare che il percorso per i residenti in città sarà gratuito.

Condividi questo articolo

Pubblicità