Nuova operazione antidroga a Livorno. Numerosi arresti, impegnati 40 finanzieri

LIVORNO - Dalle prime ore del mattino del 26 aprile quaranta finanzieri del Comando Provinciale di Livorno, con la collaborazione di unità cinofile, stanno conducendo una nuova grande operazione antidroga.

Stanno dando esecuzione, su ordine della Procura della Repubblica di Livorno, ad un’ordinanza, emessa dal G.I.P. del Tribunale labronico, Dott. Antonio Del Forno, di custodia cautelare in carcere nei confronti di sette soggetti di nazionalità tunisina per traffico di sostanze stupefacenti.

L’Autorità Giudiziaria ha, inoltre, ordinato quindici perquisizioni, nelle province di Livorno, Pisa e Bologna, nei luoghi riconducibili agli arrestati nonché ad altri 11 soggetti coinvolti nei medesimi traffici.

Le operazioni, condotte anche con il supporto di militari della Tenenza di Molinella (BO) e della Compagnia di San Miniato (PI), sono finalizzate all’acquisizione di ulteriori fonti di prova.

Le indagini, dirette dalla Procura della Repubblica di Livorno (dal Sostituto Sabrina Carmazzi), hanno consentito di intercettare e scardinare una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti operante nel centro cittadino.

La complessa attività antidroga, condotta dai finanzieri del 1° Nucleo Operativo del Gruppo di Livorno anche mediante l’ausilio di indagini tecniche, ha consentito, nel suo complesso, oltre ad eseguire il citato provvedimento di custodia cautelare nei confronti di 7 persone di età compresa tra i 26 ed i 50 anni, di operare l’arresto in flagranza di reato di 12 persone sempre per spaccio di droga, di sequestrare oltre cinque chili di sostanze stupefacenti (principalmente hashish, eroina, cocaina e marijuana) e denaro contante per oltre 15.000 euro nonché due autovetture utilizzate per l’attività illecita.

Monitorate circa 720 cessioni di dosi destinate al consumo personale che hanno permesso agli spacciatori di introitare proventi illeciti per circa 200.000 euro.

Condividi questo articolo

Pubblicità