Convegno Alis , riflettori su Porti e Interporti

SORRENTO - La due giorni di Alis è giunta alla conclusione, nella seconda giornata spazio alla discussione e agli approfondimenti sugli interporti e sui porti italiani. Nella sala conferenze dell'Hilton Palace ancora un buon pubblico per seguire i due "panel". Il primo è servito a focalizzare l'attenzione sulla necessità di mettere a sistema quelle che sono state definite le diverse galassie degli interporti nazionali, che anziché fare sistema spesso in passato e nel presente si sono trovati in forte concorrenza. La seconda sessione si è invece occupata del fondamentale ruolo dei porti per un rilancio del nostro paese. I rappresentanti delle autorità di sistema e altri esperti del settore hanno fatto il quadro dell'applicazione della riforma tra riorganizzazione, nuovo slancio e contrattempi e difficolta da superare. Nel pomeriggio di questo sabato spazio a whorkshop, seminari e presentazioni che hanno coinvolto decine e decine di aziende che hanno mostrato le proprie linee di lavoro e le scelte operative nel quadro della logistica e dei trasporti, poi la conclusione dei lavori della due giorni che nelle parole di Marcello Di Caterina direttore generale di Alis: "Appuntamenti di questo genere richiedono organizzazioni complesse, ma Alis sin dalla sua nascita ha dimostrato di essere all'altezza e di essere un grande punto di aggregazione. E' stato un successo - ha continuato Di Caterina - c'erano le imprese italiane, molti tecnici e poca politica, gli imprenditori hanno risposto con interesse per un settore come quello dell'intermodalità che è certamente strategico. Alla fine di questo appuntamento spero che sia emerso con forza che alis ha come strategia quella di mettere insieme più mondi produttivi e di far emergere una proposta concreta che guardi a rendere funzionale il sistema italiano e ad integrarlo con l'Europa"

Condividi questo articolo

Pubblicità