Bandi della Regione su formazione

FIRENZE - Approvati e pubblicati dalla Regione cinque bandi pubblici che incentivano la realizzazione di progetti di formazione strategica sulle filiere produttive toscane ed un avviso pubblico per incentivare la riconversione professionale. Le domande possono essere presentate fino al prossimo 15 giugno. La dotazione finanziaria complessiva è di 13 milioni di euro.

anche il settore logistica interessato dai nuovi bandi della Regione

Obiettivo dei bandi, che rientrano nel progetto regionale Giovanisì che punta a promuovere l'autonomia giovanile, è rafforzare la struttura economica e produttiva toscana. Gli avvisi sono finanziati con risorse del POR FSE 2014-2020.

Cinque dei sei bandi riguardano progetti formativi strategici riguardanti le seguenti filiere: Moda, Nautica e Logistica, ICT, Chimica e Farmaceutica, Multifiliera (questa a sua volta comprende le filiere Agribusiness, Marmo, Meccanica ed Energia, Turismo e Cultura, Trasversale). Il sesto avviso è invece per progetti formativi strategici di Riconversione professionale. In tutti i casi vengono concessi finanziamenti nell'ambito dell'attuazione del POR FSE 2014-2020 obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione".

I progetti possono essere presentati e devono essere attuati da un'associazione temporanea di imprese o di scopo (ATI/ATS), costituita o da costituire a finanziamento approvato, composta obbligatoriamente dai seguenti soggetti: almeno un organismo formativo accreditato o che si impegna a farlo entro la data stabilita dall'avviso, in qualità di capofila; almeno un'impresa, che non ha finalità formativa, avente un'unità produttiva nel territorio regionale il cui ambito di operatività sia coerente con la filiera considerata. Possono partecipare anche Istituti di Istruzione Superiore, Università e Fondazioni ITS, aventi sede nel territorio regionale e Associazioni di categoria, in coerenza con la filiera considerata.

Tutti i dettagli sono consultabili o sul sito regionale o su quello di Giovanisì.

Condividi questo articolo

Pubblicità