Parco acquatico, in Kayak con Puccini

MASSAROSA - Parco acquatico da dedicare alla rispettosa e silenziosa disciplina sportiva della canoa o del Kayak.

L'input di partenza è proprio quello.

Parco acquatico

Parco acquatico del Lago Puccini

Nella tenuta del Complesso La Brilla a Quiesa, frazione del Comune di Massarosa si è tenuta una tavola rotonda per parlare di un progetto promosso dalla Federazione Regionale Canoa e Kayak dedicato al connubio tra questo sport e il Lago Puccini.

L'Ente Parco Migliarino-San Rossore.Massaciuccoli ha ospitato l'incontro e come istituzione si è detto favorevole all'iniziativa.

Uguale sostegno è sopraggiunto dalla Federazione Nazionale Canoa e Kayak e dal CONI regionale.

Interessati a seguire la relazione nei suoi dettagli le rappresentanze dei comuni di Massarosa, Viareggio e Vecchiano.

Alessandro del Seppia

Leonardo Di Sacco Presidente Federazione Toscana Canoa e Kayak e relatore del progetto

Il Parco Acquatico come indicatore della species sportiva, inserito nel territorio d'ambito del Parco in generale con una sua speicifictà per la quale sono occorsi decenni per portarlo alla suggestione paesaggistica e alla restituzione di un habitat che ha permesso il ritorno di specie aviarie e non solo, vera cartina tornasole di un ambiente naturale tornato in purezza.

Il luogo suggerisce una grande potenzialità economica ed occupazionale che permetterebbe una buona carta da giocare nell'interesse almeno dei tre comuni direttamente coinvolti.

Un panorama che era già ben noto nell'antichità dal momento che il lungo lago è costellato di siti archeologici che suggeriscono la bellezza che doveva suscitare il golfo a quel tempo.

Golfo perchè di mare aperto si trattava poi i sedimenti fluviali del Serchio, la regressione climatica dell'ultimo piccolo picco glaciale ha fatto arretrare le acque lasciando luogo ad un grande lago e intorno ad esso una costellazione di canali acquei che hanno creato un nuovo ecoambiente.

Il rispetto di quanto restituito dopo le dovute attenzioni che hanno allontanato le attività industriali degli anni '50-'70 ha rimesso in gioco le potenzialità dell'area.

Senza dover intervenire con una pioggia di costruzioni di strutture ricettive, altrimenti negativa, l'area del Parco è già una meta cercata dal turismo naturalistico.

carta del Parco acquatico di lago Puccini

Carta del Parco acquatico di Lago Puccini

Aggiungervi servizi adeguati a chi pratica canotaggio o kayak permette una marcia in più che è confortata dai dati importanti che emergono quando si guarda ai numeri del turismo sportivo.

Il progetto ha mosso i suoi primi passi cinque anni fa e l'auspicio è che si possa arrivare a renderlo concreto nel più breve tempo possibile.

Nei nostri notiziari le voci dei relatori ed un piccolo speciale per capirne meglio i lati positivi.

Condividi questo articolo

Pubblicità