Ponte conteso, lo vince Mezzogiorno

PISA – Ponte conteso, come ogni anno alla fine di giugno.

L’edizione 2018 del Gioco del Ponte ha visto vincere mezzogiorno nella finale tra le "Nazioni".

Ponte conteso

Ponte conteso tra le parti, vince Mezzogiorno con la sfida tra le "Nazioni"

Si conclude così il mese per eccellenza del calendario eventi della città di Pisa, il giugno pisano.

Come sempre è proprio l’agone del gioco “sul” ponte a porre fine ad una serie di manifestazioni che hanno la loro punta d’orgoglio nella splendida Luminara per onorare il patrono della città, San Ranieri e al Palio a lui dedicato, vinto dal Santa Maria.

Una giornata iniziata sin da mezzogiorno con il collaudo del carrello del Gioco con una piccola cerimonia di inaugurazione alla presenza di alcuni rappresentanti delle parti di Mezzogiorno e Tramontana.

Michele Conti rettore

Il Sindaco Michele Conte nelle vesti dell'Anziano Rettore

Come da qualche anno a questa parte e con decisione che merita il plauso, il Gioco ha preso il via nel tardo pomeriggio, a cominciare dalle ore 18 per poi passare alle fasi succesive che precedono la salit al Ponte delle magistrature.

Nei nostri servizi, ma soprattutto nello speciale che andrà in onda martedi 3 luglio alle 21.30 vi racconteremo ogni dettaglio della grande kermesse storico-sportiva.

Hanno sfilato per le vie dei Lungarno a dimostrazione del programma di continuità che la città persegue affinché tradizioni e retaggio della propria storia non cadano nel dimenticatoio.

Con lo scoccare delle 19 sono partiti i corteggi di mezzogiorno e tramontata, ciascuno dalla propria “parte”, sfilando sui Lungarno compresi tra Ponte Solferino e Ponte della Fortezza e vie del Centro Storico.

Gioco del Ponte 2018

le "Parti" sfilano sui Lungarno, corteggio di 710 figuranti

Il Corteo dei Giudici e quello degli anziani li ha di poco preceduti ed in questo ecco il debutto di nuovi anziani e con loro il “Rettore”, Michele Conti, da pochi giorni nuovo Sindaco di Pisa.

Per permettere un efficiente funzionamento della manifestazione che richiama sul posto migliaia di sostenitori e di turisti per assistere alla sfida sono state effettuate modifiche al traffico sui Lungarno, ovviamente sul Ponte, intransitabile per la presenza del possente carrello e per le vie storiche vicinali dove sono andati a prepararsi oltre 700 figuranti e con loro fino a 40 cavalli.

Quindi il divieto assoluto di consumo e vendita di bevande in contenitori di vetro, la presenza discreta delle forze dell’ordine e di una ventina di Steward con compiti di accoglienza, regolamentazione del flusso delle persone, osservazione e assistenza.

A chiudere la cintura di garanzia la presenza di presidi sanitari con mezzi di soccorso con medico a bordo per un totale di 6 ambulanze e un mezzo nautico dei VVF.

Gioco del Ponte 2018

Esulta mezzogiorno dopo aver vinto la "bella"

Un edizione che ha salutato il 450° anniversario della nascita del Gioco, ricordando la munificenza del Granduca Cosimo I de Medici che concesse alla città il recupero di una antica tradizione, il cimento del Mazzascudo, praticato nel periodo della Repubblica e svolto in Piazza dei Cavalieri. Regole e ubicazione vennero cambiate per esaltare anche il passaggio dall’età buia del medioevo agli anni fastosi del Rinascimento.

Come da regolamento la magistratura vincente della passata edizione, Tramontana, detiene il Palio della vittoria e lo dispone alla sfida della avversaria, scendendo in campo per prima e dando il via alle consuete strategie consumate all’interno dei tendaggi dove sono riuniti i generali di parte.

Gioco del Ponte 2018

L'Anziano Rettore, Conti, consegna il Palio della vittoria a mezzogiorno

Le ore notturne sono state dedicate alla battaglia sul ponte e il sommarsi dei punti da una parte e dall'altra fino all'esito del pareggio che ha portato di conseguenza alla "bella" vinta da Mezzogiorno.

Condividi questo articolo

Pubblicità