La vita sotto le macerie e l’impegno dei Vigili del Fuoco

LIVORNO - La vita sotto le macerie e l'impegno dei Vigili del Fuoco. Dietro il disastro del crollo del Ponte Morandi a Genova, dietro la tragedia di Rigopiano o l'esplosione a Viareggio avvenuta quella maledetta notte del 2009 o ancora più recentemente dietro l'infortunio sul lavoro avvenuto in serbatoio all'interno di  un deposito portuale a Livorno c'è il coraggio e la forza di salvare vite umane che impegna i Vigili del Fuoco. Per loro è un lavoro che diventa missione. Sul campo l'impegno  compiuto in ogni gesto fatto  senza risparmiarsi, per cercare di salvare la vita. Dietro ai 43 morti di Genova c'è stata la lotta per cercare di strappare quante più vite umane possibili alla morte . E questo lavoro insieme a tutti gli altri lo hanno fatto strenuamente e instancabilmente  i Vigili del Fuoco. Si sono mossi da subito anche dalla Toscana con squadre specializzate fatte di professionisti. Dal Comando di Livorno  un'ora dopo il crollo era già in viaggio l'Unità Cinofila dei Vigili del Fuoco. Mezzi, uomini e cani. Animali addestrati per cercare un respiro, una traccia  che possa condurre i soccorritori a salvare i feriti. Così è stato anche sotto quel ponte. Detriti, macerie, pesi insostenibili che non hanno mai scoraggiato i Vigili e i compagni di lavoro a quattro zampe nella ricerca anche di una sola vita da salvare.  Nelle edizioni del nostro telegiornale di questo 20 Agosto visibile in diretta sulla nostra LIVE TV   andrà in onda il servizio curato dalla redazione, dal titolo ''La vita sotto le macerie''.

La vita sotto le macerie

Livorno,fasi di addestramento dei cani unità cinofila dei Vigili del Fuoco

Condividi questo articolo

Pubblicità