Antirazzismo, a Cecina il 24° Meeting

CECINA - Antirazzismo, al Parco della Cecinella, a Cecina Mare, se ne parla da 24 anni, tanti quanto l'edizione che ha preso il via in queste ore.

Quattro giorni per parlare insieme ad ospiti di diversa provenienza, anche internazionale, di Antirazzismo, Accoglienza, Solidarietà, Cittadinanza.

antirazzismo: 24 meeting a Cecina

Antirazzismo: al via 24° meeting a Cecina

Confronti, dibattiti, incontri di esperienza, laboratori, cucina multietnica e musica; quest'anno rappresentata da Bestierare e Dj Amaro, Paolo Benvegnu', Motta, Rancore e Zen Circus,

Primo approccio la riflessione su dove stia andando l'Europa e quanto si stiano chiudendo le sue frontiere.

Un Europa sempre più razzista o nel panico?

Antirazzismo come valore squisitamente etico, anche evangelico se il temrine viene sposato con quello dell'accoglienza, oppure ci troviamo di fronte alla necessità di capire dove stia andando la Storia?

Vittorio BugliGianluca Mengozzi

La Regione Toscana ha sempre coadiuvato l'ARCI Regionale  presieduta da Gianluca Mengozzi, nell'organizzazione di questo Meeting e per l'occasione l'avvio è stato dato dall'Assessore Vittorio Bugli a nome della Regione Toscana.

Bugli ha ripescato alcuni eventi storici come l'ottantesimo della promulgazione delle legi razziali per ricordare che quello fu un vergogonoso programma politico costruito a tavolino e che attraverso un forzato e costante tam tam mediatico "insegnò" agli italiani ad essere razzisti.

Succede anche oggi?

Meeting Antirazzista Cecina

Guardando al fenomeno del flusso migratorio e ai dati ISTAT che ci dicono che l'Italia è il paese più longevo d'Europa ma anche quello nel quale si registrano meno nascite, tra non molto, dieci anni possono bastare, quanti potranno andare in pensione se non si rinnova nella stessa percentuale i posti di lavoro che con i loro contributi garantiranno il meritato riposo a chi ha raggiunto quel traguardo?

Ancora, guardando alle date, l'11 settembre 2001 ci riporta alla tragedia delle Torri Gemelle e al fatto che da quel giorno la guerra è diventata una presenza cronica, in crescendo ed in espansione divenendo anche una "necessità" economica da mantenere.

La guerra permanente è un ingrediente causale del fenomeno della migrazione in massa?

Nei nostri notiziari il dialogo con gli esperti, già dall'edizione delle 20.30 di questo 12 settembre e successivi da seguire anche in diretta su Live Tv.

Condividi questo articolo su

Pubblicità