Premio Galilei a János Kelemen e Pierpaolo Faggi

PISA - Il Premio Galilei è nato nel 1962 dall’idea di Tristano Bolelli, socio del Rotary Club Pisa, glottologo dell’Ateneo pisano nonché vicedirettore delle Scuola Normale Superiore negli anni cinquanta. Il premio sposa la vocazione più alta del Rotary: il supporto alla libera circolazione delle idee e alla ricerca.

Quest’anno l’ambita targa d’oro è andata ai professori János Kelemen e Pierpaolo Faggi. I due studiosi, scelti da illustri rappresentanti del mondo accademico e scientifico designati dal rettore dell’Università di Pisa, Paolo Maria Mancarella, sono stati premiati nella cornice dell’aula magna dell’Università di Pisa, in Largo Bruno Pontecorvo 5, dal Pro rettore vicario, la prof. Nicoletta De Francesco e alla presenza del presidente della Fondazione Premio Internazionale Galileo Galilei dei Rotary Club Italiani, Marco Mancini e dell’assessore Dringoli del Comune di Pisa.

Qualche ora prima i premiati e rappresentanti degli organizzatori sono stati ricevuti in Comune dal Vice sindaco, Raffaella Buonsangue.

L’iniziativa prese avvio nel 1962 in Versilia ma già nel 1968 passò a Pisa dove è stata sempre più potenziata, divenendo famosa in Italia e all’estero quasi come un Nobel italiano con caratteristiche sue proprie.

Il Premio, che consisteva in origine  in una statuetta di Emilio Greco, oggi sostituita da una targa d’oro, vuol riconoscere la valorizzazione della cultura italiana all’estero quale risulta dall’opera di italianisti stranieri che fanno conoscere al mondo, con lavori fondamentali, la nostra lingua e la nostra civiltà.

Il Premio Galilei è un’istituzione che, nei vari settori della cultura, senza bandire concorsi ma per mezzo di giurie  formate da insigni studiosi italiani, opera con assoluta serietà.

Le discipline riguardanti la nostra civiltà prese in considerazione sono: Archeologia ed Etruscologia, Storia della letteratura italiana, Storia della scienza, Storia della lingua, Storia, Storia dell’arte, Storia della musica, Storia del pensiero, Storia del diritto, Storia economica, Scienze fisiche, Scienze mediche, Scienze geografiche, Scienze dell'ingegneria, Scienze della terra, Scienze chimiche, Scienze agrarie, Scienze biologiche, Scienze economiche, Scienze matematiche.

Il servizio sul premio, questa sera 6 ottobre, nel Tg delle 20:30 e visibile anche in diretta sulla Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità