Cantiere Orlando al centro dell’evento Domenica di carta

LIVORNO - Il Cantiere Orlando di Livorno al centro dell'evento "Domenica di carta". L’apertura straordinaria dell’Archivio di Stato di Livorno, inserita nel grande evento del Ministero per i beni e le attività culturali Domenica di carta, è incentrata sulla vicenda del Cantiere Orlando, analizzata dal professor Gian Carlo Falco, già docente di storia economica dell’Università di Pisa, nella sua conferenza La parabola del Cantiere Orlando. Un esempio di storia industriale.


La vicenda del Cantiere Orlando illustra con efficacia le diverse caratteristiche del lungo processo di industrializzazione e del conclusivo, drastico ridimensionamento del settore manifatturiero che ha interessato non solo Livorno, ma tutta l’Italia. Per prima cosa bisogna richiamare l’azione determinante dello stato, come tutore, committente e salvatore di un’iniziativa imprenditoriale che ha dovuto misurarsi ripetutamente con gravi difficoltà che ne limitavano la redditività e incidevano negativamente sulla capacità di finanziare gli investimenti. La causa maggiore era l’eccesso di capacità produttiva della cantieristica, prodotta del percorso storico dell’industrializzazione nazionale. Avrebbe dovuto essere affrontata attraverso una riorganizzazione del settore che l’Iri non riuscì a compiere prima della Seconda Guerra mondiale e che risulterà difficile e contraddittoria non solo nel primo ventennio del dopoguerra, quando il cantiere era parte dell’Ansaldo, ma anche nell’ambito della Fincantieri, nei trent’anni successivi. Quell’esperienza è una parte significativa del tragitto che ha portato le partecipazioni statali ad esaurire il ruolo di protagoniste della riqualificazione ed espansione del sistema industriale italiano, esercitato per un lungo periodo, e ad essere nettamente ridimensionate dalle privatizzazioni del decennio che ha concluso il 900. Il nuovo assetto privilegia la ricerca accanita di processi produttivi flessibili e tiene conto di opportunità di impiego delle risorse molto diversificate e fuori del settore manifatturiero. Le conseguenze sui livelli e la qualità dell’occupazione hanno implicazioni di grande portata sulla società e inducono a interrogarsi sull’urgenza di politiche produttive capaci di governare più efficacemente i processi, inevitabili, di trasformazione industriale.
Al termine della conferenza i funzionari dell’Archivio di Stato effettueranno visite guidate ai depositi dell’istituto.
In contemporanea, all’interno della manifestazione delle Giornate d’autunno del FAI (13-14 ottobre) sarà possibile visitare la mostra realizzata dall’Archivio di Stato, Il Cantiere navale di Livorno. Storia di un’impresa industriale.

Condividi questo articolo

Pubblicità