Occhio al distributore, cambiano le etichette del carburante!

Attenzione al distributore, cambiano le etichette del carburante! Da oggi 12 ottobre infatti, accanto alle scritte tradizionali 'super', 'diesel', ‘gpl’ sono previste nuove etichette basate su standard europei.

Per chi ha un’auto nuova la sigla è riportata vicino al tappo del serbatoio, nelle stazioni di servizio è sul distributore che sulla pistola della pompa per l'erogazione.

Le etichette avranno anche forme diverse: circolare per la benzina, quadrata per il diesel e a forma di rombo per i combustibili gassosi. Vi compaiono rispettivamente la lettera 'E', la 'B' (più un eventuale numero ad indicare la loro percentuale 'ecologica'), e LPG (il Gpl, o altre sigle).

Approfondiamo: per la benzina il numero indica la percentuale di etanolo contenuta (E5, E10 o E85, quindi 5, 10 o 85% di combustibile 'verde').

Per il diesel B7 o B10 si riferiscono a contenuti di biodiesel rispettivi del 7 e del 10%, e XTL è invece la sigla del gasolio sintetico non derivante dalla raffinazione del greggio.

I carburanti gassosi sono indicati con H2 per l'idrogeno e in CNG per il gas naturale compresso, mentre LPG è il Gpl e LNG il gas naturale liquefatto.
Saranno interessati alle nuove etichettature anche i veicoli elettrici, per i quali si sta preparando una norma specifica.

"L'etichetta – è scritto in una nota di Anfia, Up, Confindustria Ancma e Assopetroli - vuole essere semplicemente uno strumento visivo che aiuti i consumatori nella scelta del carburante appropriato per il proprio veicolo".
Per chi ha un’auto già immatricolata il consiglio è quello di leggere il manuale, e comunque sarà praticamente impossibile sbagliarsi, visto che (almeno per ora) rimarranno anche le scritte tradizionali.
Però, certo, è già un cambiamento epocale.

Ad ogni modo l'iniziativa, che adesso può sorprendere e disorientare, serve ad uniformare il nostro paese agli altri d'Europa. Ma certamente ci vorrà tempo per abituarsi anche a questo. Nei nostri telegiornali e su questo sito commenti e reazioni alla novità.

Condividi questo articolo

Pubblicità