Mercato ortofrutticolo Livorno, nuovo progetto

LIVORNO - La giunta ha approvato il progetto definitivo del nuovo Mercato ortofrutticolo. L’operazione è parte del pacchetto di interventi finanziato con il bando periferie e delinea la realizzazione della nuova struttura in zona Nuovo Centro, in un’area parallela alla variante aurelia accessibile da via Crocino.

“La nostra è stata una scelta di campo, abbiamo voluto un futuro per il mercato a differenza di chi lo voleva cancellare e ci abbiamo creduto al punto da intercettare per quest’opera 5 milioni di euro di fondi governativi” così Filippo Nogarin, sindaco di Livorno, a commento.

“Parliamo di un passaggio importante per il commercio ortofrutticolo cittadino che avrà una struttura nuova, moderna e efficiente con cui sviluppare la sua offerta” aggiunge Alessandro Aurigi, assessore ai lavori pubblici e all’arredo urbano. “Abbiamo modificato la collocazione del nuovo mercato rispetto all'ipotesi iniziale, scegliendo un'area più ampia e di forma regolare, proprio per ottimizzare al massimo la progettazione, pensando ad un edificio compatto e funzionale, energeticamente sostenibile e con ridotto impatto acustico - precisa Aurigi - Inoltre, proprio per agevolare gli operatori nella loro attività, il nuovo mercato sarà vicino alle principali via di comunicazione cittadine, come la variante aurelia, ed avrà una serie di spazi e funzioni accessorie che miglioreranno molto la gestione e la capacità operativa. Una soluzione ottimale rispetto all’area attuale in via Sgarallino che, una volta trasferito il mercato, potrà essere a sua volta oggetto di un importante intervento di riqualificazione urbana”.

“Questo progetto nasce in condivisione con gli operatori, nel solco della difesa comune della presenza di un mercato ortofrutticolo a Livorno - conclude Paola Baldari, assessore al commercio -. Un obiettivo questo che come amministrazione abbiamo perseguito con grande impegno e tutt’oggi continuiamo ad assicurare un giro d’affari da 15 milioni di euro e 150 posti di lavoro”.

IL NUOVO MERCATO

Il mercato sarà costituito da due edifici speculari uniti da una grande tettoia con struttura in legno lamellare e copertura vetrata. All’interno 12 unità magazzino con superficie utile di 125 mq concepite come autonome ma accorpabili a due o tre per consentire magazzini più grandi.

Ciascun magazzino avrà un’apertura sul retro, per lo scarico della merce, e una sul davanti sotto la grande vetrata, dove si troveranno le dotazioni impiantistiche per gli uffici a servizio dell’attività di vendita.

Oltre ai due edifici principali sarà realizzato anche un edificio, posto a fianco dell’ingresso coperto, che conterrà un ufficio per la direzione del mercato, un bar, un ufficio per la cooperativa di pulizie e un’officina per ricovero e manutenzione dei mezzi della cooperativa di facchinaggio oltre agli spogliatoi e servizi igienici a questa dedicati e i servizi per gli esterni.

Il progetto approvato prevede inoltre la realizzazione di un ampio parcheggio e la viabilità interna necessaria ad agevolare l’ingresso e l’uscita dei mezzi.

ENERGIA VERDE

Il nuovo mercato ortofrutticolo sarà alimentato da energia pulita. I due edifici principali avranno infatti la parte di copertura a shed rivolta verso sud coperta con 330 pannelli fotovoltaici che costituiranno la fonte di energia rinnovabile della struttura, con una potenza stimata di 90 kWp. L’impianto inoltre sarà integrato con batterie di accumulo per fornire energia durante le ore notturne, in assenza di produzione fotovoltaica, sia alle componenti di illuminazione a led del piazzale sia alle pompe di calore.

RIDUZIONE IMPATTO ACUSTICO

Nei punti di maggior vicinanza con le poche abitazioni della zona saranno collocate delle scarpate verdi, con funzioni di isolamento acustico, costituite da tre pannelli di cemento riempiti di terreno dove saranno messe a dimora piante di tipo cespuglio mediterraneo.

Il prossimo passaggio operativo sul Nuovo Mercato Ortofrutticolo sarà l’elaborazione del progetto esecutivo, ultimo step prima della gara per la realizzazione dell’opera.

Condividi questo articolo

Pubblicità