Casa Pellegrini: il 1° Natale senza Davide

PISA - Morte assurda quella di Davide Pellegrini. Un Natale atroce. È quello che si svolgerà a casa del giovane ventunenne. Disperso nella notte del 12 dicembre scorso è stato ritrovato nel tardo pomeriggio di questa domenica 23 dicembre. E’ stato ritrovato sulla spiaggia del Gombo nel Parco di San Rossore. Un corpo straziato da tanti giorni in acqua. Sono stati i tatuaggi che aveva e che erano stati descritti dai genitori a consentire l’identificazione della salma.

Una morte assurda quella di Davide, 21 anni. Una morte avvenuta praticamente sotto gli occhi del padre Riccardo. Insieme erano andati a caccia, di notte, a caccia di frodo. Ma questo ora, purtroppo, non è la cosa più importante.

Sarà questo il primo Natale senza Davide.

Il giovane si era gettato in Arno quella tragica notte per recuperare il barchino che si stava allontanando. Chissà quale sarà stato il pensiero di quel ragazzo che si sentiva nel pieno delle forze e che poi però è stato travolto da quelle acque dell’Arno che sotto la superficie apparentemente tranquilla possono nascondere mulinelli terribili, correnti inimmaginabili in aggiunta al freddo insopportabile di quei giorni e di quella tragica notte in particolare.

Dal momento della scomparsa infaticabilmente i Vigili del Fuoco lo hanno cercato per terra e per mare con ogni mezzo.

L'incidente era avvenuto quando lungo il fiume era buio già da ore. Con il padre avrebbe cercato di guadare con il barchino l'Arno per raggiungere la strada e andarsene dopo avere ucciso un daino. L’animale è stato trovato morto in acqua durante le ricerche del disperso e con una ferita compatibile con il fucile trovato e sequestrato nella stessa zona e appartenente al padre.

Il destino, purtroppo, ha riservato al ragazzo una sorte diversa.

Il padre del giovane è stato denunciato dai carabinieri per bracconaggio e furto ai danni dello Stato. Ma questo di fronte ad una simile tragedia è cosa di secondaria importanza. Il dolore, per quel padre e quella madre, immane.

Condividi questo articolo

Pubblicità