Fiaccolata a Solvay per Francesca il 13

ROSIGNANO SOLVAY - Francesca un anno dopo, una fiaccolata a lei dedicata e a tutte le donne che continuano a morire nel solco del femminicidio.

Fiaccolata a Rosignano Solvay per la giornata del 13 febbraio, con concentrazione alla Chiesa di Santa Croce, in via Buccari.

Un anno dopo l’uccisione di Francesca Citi per mano dell’ex marito, era il 13 febbraio 2018, Rosignano la ricorda.

La donna viveva a Nibbiaia, frazione del comune di Marittimo.

L’iniziativa “Francesca sono io!”  viene promossa dalla Amministrazione Comunale in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità e l’associazione “Francesca sono io!”.

Associaizone nata per ricordare la donna e tutte le vittime di violenza.

La fiaccolata, già realizzata un mese dopo la scomparsa della donna, riunì un ampio numero di cittadini e rappresentanti di associazioni oltre che amici, familiari e conoscenti, che proclamavano il loro “no” alla violenza sulle donne.

Mercoledì il ritrovo è alle ore 18 di fronte alla chiesa di Santa Croce, in via Buccari.

Alle 18,30 il corteo si dirige verso via Allende e la percorre fino a via della Costituzione, la imbocca per dirigersi al centro “Le Creste”, dove la manifestazione si conclude presso la panchina rossa, simbolo di tutti i femminicidi.

Un luogo che l'Amministrazione ha scelto per testimoniare la forte attenzione a questo male che pervade il paese e che affonda le sue radici in contesti culturali, sociali e sessiti.

Per rendere più universale il messaggio l’organizzazione invita tutti a non caratterizzare il corteo portando bandiere, simboli o foto di Francesca.

Questo perchè il ricordo di Francesca si sposa con i nomi delle tante donne, non solo toscane, sia di quelle della storia recente che quelle i cui racconti si sono sbiaditi col tempo.

Una fiaccolata che vuole essere anche una prova dimostrativa nei confronti di tutte le donne che ancora tacciono di ciò che subiscono, possibili vittime in futuro.

Condividi questo articolo

Pubblicità