Giornata dei disturbi alimentari, 15 marzo

PISA - Il 15 marzo giornata dei disturbi alimentari. I disturbi alimentari sono malattie psichiche, accompagnate dalla grandissima sofferenza di chi ne è affetto, anzi spesso sono il modo di esprimere una sofferenza che non riesce a trovare spiegazione né altra modalità di espressione; sono anche resistenti alle cure e soggetti a recidive, possono divenire cronici in molti casi, presentano elevati rischi di comorbilità con altre malattie e disagi; possono essere invalidanti da un punto di vista relazionale, sociale, lavorativo.

Di recente, nonostante l’aumento di attenzione e di ricerca scientifica, sono addirittura aumentati e la “forbice” si è allargata per età: si ammalano sempre più bambine e anche donne ultra quarantenni. Inoltre da un punto di vista del genere si osserva un incremento di molti più maschi rispetto a qualche anno fa. Si ricorda che per quanto riguarda gli adolescenti sono la seconda causa di morte, in Italia, dopo gli incidenti stradali. Queste patologie possono essere però curate e guarite grazie ad una diagnosi precoce e ad una adeguata presa in carico da parte delle strutture specializzate e multidisciplinari integrate, che si occupano non solo delle persone malate, ma anche delle loro famiglie, le quali possono divenire risorsa preziosa nella cura.

“L’Associazione La vita oltre lo specchio Onlus – spiega la presidente Patrizia Cappelletto, in occasioen della giornata dei disturbi alimentari - è presente attivamente sul territorio pisano dal Gennaio 2014, formata da familiari, ex pazienti e operatori del Centro Arianna Usl Nordovest Toscana, centro ambulatoriale multidisciplinare, ed è nata per rompere il silenzio intorno al tema complesso dei disturbi alimentarie per migliorare la qualità della vita delle persone che ne sono affette e dei loro familiari. Ha istituito sportelli di ascolto, gruppi di auto aiuto genitoriali, organizza convegni, dibattiti, incontri a tema, progetti elaboratori di arti e di attività creative, formazione/informazione, progetti scolastici di prevenzione sia nelle scuole primarie sia in quelle superiori, approvati dalla Società della salute e inseriti nel protocollo d’intesa tra Comune di Pisa e “Pisa città che mangia sano”.

“Il 15 Marzo è in Italia la Giornata del Fiocchetto Lilla – aggiunge l’assessore alle politiche sociali Gianna Gambaccini - per riflettere e far riflettere su queste patologie, spesso subdole che sempre di più affliggono una larga parte della popolazione giovane. La data non è casuale, è nata per volontà dei genitori di Giulia Tavilla, sedicenne genovese purtroppo mancata il 15 Marzo 2011 per le conseguenze del disturbo alimentare da cui era affetta, e il cui padre si è battuto perché tale giornata venisse riconosciuta ed istituzionalizzata a livello nazionale, come è finalmente accaduto nel Giugno scorso. A Pisa possiamo ritenerci fortunati per la presenza dell’associazione La vita oltre lo specchio e del Centro Arianna Usl Nordovest Toscana che riesce a fornire un’assistenza adeguata, con un alto livello di professionalità in maniera multidisciplinare e con un servizio integrato”.

“Sono oltre 200 le persone complessivamente prese in carico dal Centro Arianna a Pisa – spiegano le dottoresse Ramona Biasci e Lorella Pennacchi nella giornata dei disturbi alimentari – con circa 100 nuovi pazienti che si presentano presso la nostra struttura ogni anno. Si tratta di un patologia molto diffusa che conta 3 milioni di pazienti a livello nazionale. In media il 50% va incontro alla remissione della malattia, mentre un 30% è soggetto a ricadute e il 5% purtroppo non sopravvive alla patologia”.

Per questa edizione il tema su cui far riflettere è quello della “Resilienza nell'epoca dei social”, in particolare sull'utilizzo positivo dei social, su come può diventare uno strumento di condivisione ed aggregazione rispetto ad un problema che colpisce una moltitudine di persone. Per il Fiocchetto Lilla 2019 l’appuntamento a Pisa è presso le Logge di Banchi per assistere, alla fine del pomeriggio del 14 Marzo, alla emozionante illuminazione in lilla delle Logge, ma anche a Calci il pomeriggio del 15 Marzo dalle ore 16 al Museo della Certosa, con gli "Amici della Certosa", dove verrà illuminato il Municipio e l’accesso alla Certosa.

Un servizio in onda nei nostri Tg di questo venerdì 15 marzo visibili in diretta anche sulla nostra LIVE TV

Condividi questo articolo

Pubblicità