Breda firma: contratto biennale

LIVORNO - Breda firma: contratto biennale.

Adesso c’è anche il nero su bianco. Arriva la firma; Roberto Breda sarà ufficialmente l’allenatore del Livorno per i prossimi due anni. Il biennale è una assoluta novità per la famiglia Spinelli ed è un doppio segnale; c’è davvero fiducia nell’allenatore trevigiano anche perché negli ultimi tempi a Genova non volevano fare contratti pluriennali per evitare zavorre economiche ad eventuali acquirenti.

Eppure questa volta sembra diverso. Dopo tanto tempo si può tornare a parlare di programmazione, un concetto che sta da sempre alla base del calcio.

Tutto confermato, due anni di contratto a Breda, un mercato con budget da garantire i playoff già nella prossima stagione e giocatori di qualità. Idee condivise in quel di Genova dove erano presenti sia Aldo che Roberto Spinelli così come il colonnello Milli.

Archiviato il capitolo allenatore, martedì 21 maggio sarà il turno del direttore sportivo Mauro Facci, con il quale Breda spera di continuare a lavorare. Una cosa è certa: le idee tra allenatore e direttore sportivo sulla costruzione della squadra coincidono perfettamente; stesso pensiero sui giocatori da confermare e sui ruoli nei quali servono i rinforzi più importanti. Cercasi bomber da doppia cifra.

Per il dispiacere di tutti gli sportivi, ancora in stand-by la posizione di Igor Protti al quale a fine giugno scadrà il contratto mentre Alino Diamanti si prende del tempo per riflettere sul suo futuro:”Adesso ho bisogno di staccare per un mese – le sue dichiarazioni rilasciate a Sky - Ne riparliamo da metà giugno”.

Intanto in agenda segnatevi i prossimi appuntamenti: martedì 21 maggio, nel pomeriggio, incontro tra Facci ed i vertici societari e se ogni cosa filerà liscia mercoledì tutti a Genova per un summit dove verranno passati in rassegna tutti i temi tra cui, su tutti, quello del mercato. Che dire, se son rose fioriranno.

Il servizio e tutti gli aggiornamenti nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità