Olimpiadi del cuore in marcia per la pace

LIVORNO- In marcia per la pace, in questa prima edizione promossa dalla organizzazione Olimpiadi del cuore, progetto mattone del cuore 2019 che fa capo a Paolo Brosio.

Con il sostegno delle autorità civili, miliatri, il compartimento marittimo della Guardia Costiera, le Olimpiadi del cuore hanno dato appuntamento al Santuario di Montenero.

Abbiamo seguito la giornata e la riassumiamo nei nostri servizi tg, visibili anche su smartphone o I-pd in contemporanea con la diretta di Live Tv.

Al Santuario come luogo di partenza e benedizione da parte della Madonna di Montenero.

A corredo ed ausilio dell’evento uno stuolo di volontari del CSI che hanno svolto funzione di monitoraggio per tutto il percorso.

Dalla vetta a scendere, per arrivare a valle.

Di qui, raggiunta Antignano, il procedere lungo il litorale e arrivare ad uno stop sosta alla Rotonda d’Ardenza.

Misericorda e Croce Rossa sezione di Livorno a sostegno e garanzia di sicurezza per i parteicpanti.

Con indosso la maglietta amaranto dell’Olimpiadi del cuore-marcia per la pace, il proseguire del viaggio per raggiungere la Azimuth Benetti.

Qui cancelli aperti dove ad attenderli un breve show con Sandro Giacobbe e alcuni interventi.

Quelli delle rappresentanze delle associazioni che si occupano di disabilità e non solo e che rientrano nel progetto di carità della Diocesi di Livorno.

Poco distante dal traguardo c’è la Madonna dei popoli alla quale rivolgersi in preghiera.

Una marcia che ha visto anche una nutrita partecipazione da parte della Brigata Folgore.

La Livorno dei popoli, retaggio delle Livornine, coraggio assoluto per quei tempi, quando vennero promulgate.

Saggia lungimiranza del vero ingrediente di base pe runa pace reale e sincera.

Livorno prima città al mondo a non conoscere differenze, ma a saper plasmare insieme le diversità, generando un seme nuovo di umanità.

Chiusura finale ancora al Santuario di Montenero con messa e rosario ed adorazione eucaristica.

Condividi questo articolo

Pubblicità