Scoperta organizzazione che rubava scooter

LIVORNO - Scoperta organizzazione che rubava scooter.

Livorno, capitale dei motorini; città nella quale le famiglie ne hanno almeno uno. Con lo scooter d'estate si raggiunge il mare, si percorre il Romito.

I livornesi raggiungono il centro città in scooter, in motorino vanno a prendersi un gelato nelle calde serate estive, raggiungono lo stadio d'inverno e si arrestano stile sciame di api in prossimità del semaforo in attesa che scatti il verde.

Livorno, capitale dei motorini, gallina dalle uova d'oro per i ladri di scooter. Non a caso sono decine e decine le denunce di furto a Livorno dall'inizio della primavera, motivo per il quale è scattata un'indagine della polizia a Santa Croce, coordinata dalla squadra mobile di Livorno diretta da Valentina Crispi.

I ladri avevano ben chiaro l'obiettivo: impossessarsi dei motorini modello Honda SH 125 trovati in centro e, fino a quando le scuole erano aperte, nei parcheggi delle superiori per poi trasferirli nel territorio pisano e da qui poi caricati in container diretti all'estero.

Ad insospettire la polizia ed il personale della Dogana giustappunto un container a Santa Croce che sarebbe dovuto partire il giorno dopo ma un po' troppo pesante rispetto a quello che sarebbe dovuto esserci (secondo i documenti) e che invece non c'era. All'inizio del container infatti c'erano gomme poi, di fatto nascosti, sono venuti fuori i 19 scooter a cui erano state smontate le ruote anteriori, probabilmente per guadagnare spazio.

Da qui il sequestro e la riconsegna ai legittimi proprietari di Livorno in attesa di sviluppo delle indagini.

Il servizio nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili anche sulla Web TV.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità