Furto al Museo della Città

LIVORNO - Furto al Museo di Livorno. Quello della Città inaugurato appena un anno fa e grande punto di riferimento per la cultura. L'opera trafugata è dell'artista Ruth Beraha esposta dal mese di Aprile all'esterno del Museo. " Io non posso entrare" è il titolo dell'opera già oggetto di grande attenzione poco dopo l'inaugurazione per uno pseudo atto vandalico. L'opera, sul tema della discriminazione e dell'inclusione, consiste in una targa di ottone specchiato con incisa la frase 'Vietato l'ingresso agli ebrei e agli omosessuali'.  La targa aveva subito già un atto vandalico da parte di uno
studente livornese, che l'aveva imbrattata, o meglio, 'censurata' con una bomboletta spray nera il 30 aprile scorso.

Questa mattina, all'apertura del museo, è stato scoperto il furto. Ora, come spiegano dal Comune, si stanno analizzando le immagini delle telecamere di sicurezza per capire se ci siano riprese utili a individuare il responsabile. "Rutha Beraha - ha ricordato il direttore del museo Paola Tognon - aveva inteso sollecitare, con questa opera, una riflessione su tutti i razzismi e le discriminazioni, del passato, presente, futuro.  La notizia sarà trasmessa nel corso del Tg alle 20:30 visibile in diretta Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità