Variante “stadio” a Pisa. Le preoccupazioni di “Diritti in Comune”

Variante "stadio" a Pisa. Le preoccupazioni di "Diritti in Comune".

Questo martedì 10 settembre nuova seduta del Consiglio Comunale di Pisa. All’ordine del giorno l’adozione della Variante al Regolamento Urbanistico. Molte le preoccupazioni espresse dal gruppo “Diritti in Comune” che ha convocato un’apposita conferenza stampa per chiarire la propria posizione.

Variante "stadio" a Pisa. Le preoccupazioni di "Diritti in Comune"

Variante "stadio" a Pisa. Le preoccupazioni di "Diritti in Comune"

Variante "stadio" a Pisa. Le preoccupazioni di "Diritti in Comune".  Vogliamo il nuovo stadio a Porta a Lucca – si sono affrettati a sottolineare gli esponenti del movimento, Federico Oliveri e Tiziana Nadalutti. Già nell’aprile 2017 presentavamo un emendamento alla variante di monitoraggio con cui si prevedeva lo stadio nella stessa sede dell’Arena Garibaldi e si cancellava la previsione urbanistica su Ospedaletto, che avrebbe costituito una mega colata di cemento assolutamente sbagliata. Quell’emendamento fu bocciato senza motivazioni. Noi – proseguono - abbiamo sempre continuato a sostenere quella posizione. Vogliamo però stralciare dalla variante l’area della moschea. In questi mesi la Lega ha portato avanti uan vera e propria crociata contro la realizzazione della moschea. La variante ad hoc, votata dalla Giunta ad ottobre, era ferma da mesi e non c’era la forza di portarla avanti. Da qui nasce, secondo noi – aggiungono Oliveri e Nadalutti – la scelta di inserirla in quella dello stadio. Tuttavia deve rimanere separata perché ha una storia separata. E’ inoltre inutile pensare di votare una variante martedì 10 quando per giovedì 12 settembre è attesa la decisione del Tar sul ricorso presentato dalla ‘associazione di  cultura islamica proprio sul progetto Moschea.”

Variante "stadio" a Pisa. Le preoccupazioni di "Diritti in Comune".

 

In una nota consegnata ai giornalisti “Diritti in Comune” dice no a nuove medie strutture di vendita che affosserebbero, a loro parere, i negozi di prossimità e sì ad una mobilità dolce e pubblica anche per arrivare allo stadio.

Sull'iniziativa la nostra emittente ha realizzato un servizio inserito nel nostro Telegiornale e visibile sulla nostra Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità