Regolamento di conti il motivo della rissa al CEP

PISA – Un regolamento di questioni personali poi degenerate in discussione, lite, rissa e quasi scontro armato se non fosse stato per l’arrivo delle forze dell’ordine.

L’episodio di questa vicenda che richiama il far west se si guarda al regolamento di conti, è avvenuto al CEP di Pisa.

Se ne è paralto nei nostri notiziari.

Gli uomini, un albanese ed un Italiano, sono stati fermati dagli uomini dell’Aram dei Carabinieri e della Squadra Mobile della Questura, chiamati dai testimoni presenti in quel frangente.

Il CEP è area marginale ed evidentemente i due si sentivano tranquilli e fuori da occhi indiscreti, posizionandosi nell’area di verde boschivo che guarda al supermercat della zona.

Non è andata così e un paio di colpi sono stati esplosi dalle ofrze dell’oridne perché i due si fermassero.

 

Di fatto, al loro arrivo, nonostante il regolamento di conti fosse ancora in corso a suon di pugni, calci e minacce di impiego di armi, alla vista del loro arrivo hanno cercato di fuggire ma troppo tardi.

Solo in Questura, sotto continuo interrogatorio si è potuto appurare che i due non erano li per qualche motivo di interesse legato alla zona.

Successivamente si è dato il via alla perquisizione delle rispettive abitazioni

L’Italiano, sui 40 anni, falegname a Massa e residente a Pescia, è stato trovat in possesso di una pistola che aveva indosso già durante la rissa, poi a casa un arsenale tra arma bianca, una katana un revolver Smith & Wesson calibro 38,  un silenziatore e in un fucile a canne mozze calibro 12.

Tutte armi con matricola abrasa che l’uomo non poteva detenere per la sua condizione di pregiudicato.

L’altro, albanese, residente al Cep,  una Magnum 357  che anche lui portava con se al momento dell’arresto e 5 armi bianche tra katane e coltelli in casa.

Successivamente i due  sono stati trasferiti al Don Bosco in attesa dell’interrogatorio di convalida davanti al gip che si terrà lunedì o martedì in carcere.

Cosa abbia prodotto tra loro quanto è poi successo difficile dirlo ma ovviamente ci troviamo di fronte a questioni di carattere venale o qualche sgarro non apprezzato

Condividi questo articolo

Pubblicità