Violenza di genere, una stanza dedicata

LIVORNO - Una stanza tutta dedicata ad uno degli argomenti più perniciosi della nostra società, stiamo parlando della violenza di genere, sia quella perpetrata a danno delle donne che ai bambini.

Il bilancio dei cosiddetti femminicidi da numeri agghiaccianti pe ril nostro paese.

Un omicidio ogni tre giorni, ma la media salirebbe in modo vertiginoso se andassimo a guardare alle violenze sia sessuali che fisiche come anche verbali.

A Livorno una serie di istituzioni, enti ed associazioni lavora sul creare una rete che possa essere di ausilio a cloro che subiscono la violenza

Ci sono centri dove raccogliere le denuncie ma spesso c'è paura a raccontarle, il terrore delle conseguenze.

Anche il fatto che un luogo dia meno garanzia di un altro è elemento di scusa per fuggire il rendere pubblico il proprio dolore e riguadagnare una dignità perduta.

Così lavorando in squadra, il Questore di Livorno, Lorenzo Suraci insieme alla Soroptimist cittadina, ha portato a realizzo una stanza.

Una sala riservata all'ascolto e fuori dal "grigiore" di un ufficio dove uomini delle forze dell'ordine entrano ed escano e ci sono altre presenze che guardano, che ascoltano.

Una stanza tutta per se è il nome dell'iniziativa, molto partecipata e anche il questore , come riportiamo nei nostri servizi, ha elogiato l'idea confermando l'attenta analisi psicologica che deve essere di rilievo su un tema come la violenza di genere.

La sala sarà frequentata solo da agenti specializzati in materia e riserverà tutta quella privacy necessaria a garantire ogni soggetto che avrà saputo vincere quel terrore che blocca ogni movimento.

Ogni anno il bilancio delle attività svolte dalle forze della Polizia ci indica come questo fenomeno sia appena scalfito.

Stupisce quando si sentono numeri che in una città indicata come così tollerante, aperta e cosmopolita poi racconti altre storie fatte essenzialmente di condizioni mentali che guardano al prossimo, amato, una sorta di diritto di possesso sul quale infliggere punizioni

Condividi questo articolo

Pubblicità