E’ morta Martina Rossetti, ferita nell’esplosione di Bibbona

E' morta nel pomeriggio di domenica 3 novembre la donna che era rimasta ferita a settembre nell’esplosione della sua casa alla California, nel comune di Bibbona. Martina Rossetti aveva 40 anni e da quel giorno era ricoverata nel reparto “grandi ustioni” dell'ospedale di Cisanello, a Pisa.

Quarantacinque giorni in ospedale

Martina era in coma farmacologico e in questi 45 giorni aveva subito diversi interventi chirurgici. Troppo gravi però le lesioni interne, che alla fine sono state letali.

Migliorano le condizioni del marito anche lui rimasto ferito gravemente. L'uomo ha 41 anni. Entrambi lavoravano alla Conad di Donoratico. Era stato dimesso dopo pochi giorni invece il figlio tredicenne, anche lui coinvolto nell'esplosione.

Per la tragedia avvenuta la sera di domenica 22 settembre risulta indagato un idraulico che il giorno prima del drammatico incidente aveva effettuato dei lavori all’impiento del gas.

Il cordoglio del sindaco

Cordoglio per la morte di Martina è stato espresso immediatamente dal sindaco di Bibbona Massimo Fedeli. Scrive il primo cittadino: “Ci siamo stretti intorno alla famiglia dal primo istante dopo il tragico incidente, sperando in notizie confortanti dall’ospedale nel quale era ricoverata. Mi piace pensare che abbia smesso di soffrire, e che ora tutto il bene e l’amore che aveva ancora da offrire resteranno serbati nel cuore del piccolo Samuele".

Condividi questo articolo

Pubblicità