Criminalità, ecco la fotografia della Toscana

FIRENZE - Criminalità, a Firenze è stato presentato il terzo rapporto sui " fenomeni" legati alla criminalità e territorio. A curarlo è la Scuola Normale di Pisa su incarico della Regione Toscana. Secondo quanto elaborato le quattro mafie storiche continuano a non avere insediamenti stabili in Toscana . La nuova strada scelta è quella di "mettersi al servizio" del mercato attraverso  l'esercizio abusivo del credito, l'erogazione di servizi illeciti finalizzati  a reati tributari ed economici.

Criminalità, il rapporto della Toscana

Grosseto Livorno Prato e Massa si confermano le province con più elevato rischio di penetrazione criminale mentre Prato resta al primo posto in Italia per denunciati per riciclaggio. Livorno continua a registrare il tasso medio annuo più elevato per traffico e spaccio di droga. La notizia sarà trasmessa nel corso dei nostri Tg visibile in diretta Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità