Festival Beethoven, weekend conclusivo a Pontedera

PONTEDERA - Weekend conclusivo per il Festival Beethoven 250 di Pontedera, dedicato all’anniversario della nascita del grande compositore. Venerdì 21 febbraio alle 21,15 salirà sul palco dell’Auditorium del Museo Piaggio, Maurizio Baglini, nato a Pisa e affermato pianista a livello internazionale, che eseguirà la Sinfonia n. 9 op. 125 di L. V. Beethoven nella trascrizione di F. Liszt. Brillante solista, camerista, didatta e direttore artistico, vincitore a 24 anni del “World Music Piano Master” di Montecarlo, Baglini si esibisce regolarmente all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, al Teatro alla Scala di Milano, al Teatro San Carlo di Napoli, alla Salle Gaveau di Parigi, al Kennedy Center di Washington ed è ospite di prestigiosi festival. Accolta con favore dalla critica specializzata, la sua produzione discografica per Decca/Universal comprende capolavori di Schumann, Liszt, Brahms, Schubert, Domenico Scarlatti e Mussorgsky. Dal 2008 promuove il progetto “Inno alla gioia”, che lo porta a suonare in tutto il mondo la “Nona Sinfonia” di Beethoven/Liszt.
Nel pomeriggio di Venerdì 21 febbraio alla Libreria Carrara, si terrà l’incontro Beethoveen, Kubrick e il demònico: il ruolo della musica nel film Arancia Meccanica, a cura di Manfred Giampietro.

Sabato 22 febbraio alle 21,15 all’Auditorium del Museo Piaggio, ancora Maurizio Baglini ma questa volta insieme alla violoncellista Silvia Chiesa. Il duo si esibirà in una selezione di Sonate e Variazioni per violoncello e pianoforte di Beethoven. Silvia Chiesa è tra le interpreti italiane più in vista sulla scena internazionale, con una fitta agenda di concerti e di registrazioni discografiche. Nel corso di un’intensa carriera ha maturato una cifra stilistica molto personale che, alla raffinata passionalità delle interpretazioni, unisce una spiccata originalità nelle scelte di repertorio. Con Maurizio Baglini ha all'attivo più di duecentocinquanta concerti in tutto il mondo, con un vasto repertorio per duo, e ha registrato per Decca le Sonate di Schubert, Brahms e Rachmaninov.

La rassegna si chiuderà domenica 23 febbraio, con l’evento Maratona Beethoven, l’esibizione dei docenti dell’Accademia Musicale Pontedera, diviso in due momenti: alle 17 a Villa Crastan, con l'esecuzione di composizioni beethoveniane per piccoli ensemble, dal duo al quartetto; e alle 21,15 all’Auditorium dell'Accademia, con l'esecuzione del prezioso Settimino per archi e fiati op. 20.

La notizia nel nostro Tg di questo mercoledì 19 febbraio, visibile in diretta anche sulla nostra LIVE TV

Condividi questo articolo

Pubblicità