Pisa-Perugia 1-0: l’ex Vido scaccia via i fantasmi

PISA - Pisa-Perugia 1-0. Nel Pisa non c’è Lisi (al suo posto gioca Pisano) ed in attacco si sceglie il tridente pesante formato da Masucci, Vido e Marconi con la curiosità di vedere come i tre si disporranno sul terreno di gioco. Il Perugia conferma invece quanto visto lunedì scorso contro l’Empoli al netto degli assenti Iemmello ed Angella, con Melchiorri e Sgarbi che li sostituiscono e con Dragomir preferito a Greco sulla linea mediana.

Arbitra il match il signor Serra di Torino. Si gioca in un pomeriggio grigio e dalla temperatura tutto sommato non fredda; il terreno di gioco appare essere in perfette condizioni.

Neroazzurri in campo con Pisano a destra per contrastare la spinta di Buonaiuto e Di Chiara su quella fascia e con Birindelli a sinistra; è De Vitis a fare il play basso mentre tocca a Vido ricoprire il ruolo di trequartista. La partita stenta a decollare, il tasso di spettacolarità è davvero basso e la contesa si risolve in una battaglia sulla linea mediana che sostanzialmente non vede vincitori né vinti. Portieri inoperosi da ambo le parti, anche quando Sgarbi prova a realizzare il gol dell’anno con un colpo di tacco volante sul cross dalla bandierina di Di Chiara: la sfera trova soltanto l’esterno della rete.

I padroni di casa si rendono pericolosi con un calcio di punizione dal limite dell’area di rigore umbra eseguito da Marconi, con il pallone che si perde di poco sul fondo; molto più pericoloso Masucci che prova a ripetere la prodezza di sabato scorso contro il Venezia girando al volo in acrobazia il cross di Pisano, ma Vicario fa buona guardia ed in due tempi riesce a bloccare la sfera. Non succede praticamente più niente in una prima frazione di gioco non certo da ricordare: all’intervallo è un logico 0 a 0 fra Pisa e Perugia.

La ripresa inizia con quelle emozioni che erano state totalmente assenti nel primo tempo: prima è Marconi che spara un destro terrificante dalla media distanza con il pallone che termina sul fondo di un niente, poi è Masucci che beneficia del regalo di Rajkovic e serve a Marconi un pallone d’oro che però il bomber neroazzurro sparacchia malamente addosso a Vicario in uscita disperata; Vicario che poi è bravissimo a salvarsi in corner sulla botta di Marin sul proseguimento dell’azione. Ma il gol è nell’aria e lo segna in grande ex Vido con una gran botta dai venticinque metri che non lascia scampo all’estremo difensore ospite.

Insistono i neroazzurri: discesa perentoria di Gucher sulla corsia mancina e cross al bacio per Marconi che in equilibrio precario e con il piede “sbagliato” non riesce ad inquadrare il bersaglio grosso; poi è Gucher a mettersi in proprio ed a tentare la conclusione dalla media distanza, ma il suo tentativo è troppo centrale e Vicario blocca la sfera senza particolari patemi. Il Perugia è tutto nella girata in mischia di Melchiorri che alza troppo la mira da ottima posizione.

Cambia le carte in tavola mister D’Angelo: fuori Birindelli (vittima di problemi muscolari) e Vido, dentro Belli e Siega con Pisano che passa a fare il terzino sinistro; trascorrono una manciata di minuti e fa il suo ingresso in campo pure Fabbro al posto di un esausto Marconi. Fabbro che però si fa cacciare dal direttore di gara per un entrata troppo energica ai danni di Mazzocchi, una decisione forse troppo severa da parte del signor Serra …

Con il vantaggio dell’uomo in più il Perugia si getta in avanti per il forcing finale alla ricerca del goal del pareggio, con la difesa neroazzurra che regge l’urto e con Gori che alla fine della fiera non deve compiere alcun intervento degno di nota nonostante un paio di mischie negli ultimi sedici metri. Arriva così una vittoria di capitale importanza per il futuro del Pisa in questo campionato, neroazzurri che così possono guardare con maggiore fiducia i prossimi, difficili impegni a partire dalla trasferta di Crotone di martedì prossimo.

Di Massimo Marini

Il servizio con gli highlights di Pisa-Perugia e le interviste del post partita nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità