Crotone Pisa 1 a 0 : ancora una volta la zona Cesarini è fatale ai Neroazzurri

Nel Pisa torna fra i titolari Meroni che va a fare il terzino sinistro mentre sulla corsia di destra c’è Belli, a centrocampo Siega e Pinato fanno le mezzali e dietro le due punte c’è Soddimo che ha finalmente scontato le tre giornate di squalifica. In casa Crotone Cuomo è costretto ad alzare bandiera bianca durante il riscaldamento e viene sostituito da Golemic, mentre a centrocampo tocca a Messias riposare ed al suo posto c’è Crociata.

Arbitra il match il signor Prontera di Bologna. Si gioca in una serata grigia ma non particolarmente fredda ; il terreno di gioco appare essere in ottime condizioni.

Davvero buono l’approccio iniziale dei neroazzurri che costringono sulla difensiva i più quotati avversari, i quali fanno fatica a sviluppare trame di gioco degne di nota nonostante i ritmi della gara si mantengano davvero elevati ; per i primi venti minuti portieri spettatori non paganti, poi tocca ai padroni di casa dare la prima vera fiammata alla contesa con Molina prima – conclusione secca che chiama Gori alla non facile respinta – e con il colpo di testa da azione d’angolo di Golemic che trova il salvataggio sulla linea di Soddimo che si sostituisce alla perfezione al proprio portiere oramai superato.

La risposta degli ospiti è un tocco sgangherato da posizione assai favorevole di Pinato che aveva provato a trasformare in oro il bel suggerimento arrivato da Siega dall’out di sinistra : pallone che si perde sul fondo. Il pallino del gioco ce l’hanno in mano gli squali, ma il muro neroazzurro regge bene l’urto e tranne un paio di mischie rusticane negli ultimi sedici metri la porta difesa da Gori non corre alcun rischio. Si va al riposo con il parziale di 0 a 0 fra le due squadre.

Ad inizio ripresa i padroni di casa partono a spron battuto alla ricerca del goal che sbloccherebbe la contesa, ma il Pisa tiene botta grazie alla grande attenzione che ci mettono in fase difensiva tutti i giocatori questa sera in maglia gialla. Mister D’Angelo getta nella mischia Lisi al posto di Vido trasformando il modulo in una sorta di 4-3-2-1 ; trascorrono pochi minuti e fa il suo ingresso in campo pure Pisano che sostituisce un Meroni protagonista di un rientro in campo davvero positivo.

Trascorre veloce il tempo, il match si mantiene su buoni ritmi ma di pericoli veri per i due portieri non se ne registrano almeno fintanto che Soddimo non premia l’inserimento in profondità di Pinato che arriva a tu per tu con Cordaz senza però trovare il tocco vincente : il suo sinistro è infatti troppo centrale e permette al capitano degli squali di respingere la sfera con il corpo. La risposta del Crotone è veemente : Caracciolo rischia l’autorete per liberare in corner al termine di una splendida azione dei padroni di casa, poi sugli sviluppi del tiro dalla bandierina il colpo di testa del gigante Simy si stampa sulla traversa.

Insistono i pitagorici : il destro del neo entrato Messias fa la barba al montante alla destra di Gori. L’ultimo cambio in casa neroazzurra è De Vitis per Pinato, forza fresche ed esperienza per un finale di gara nel quale le due squadre si allungano sul terreno di gioco ed iniziano ad aprirsi spazi invitanti da una parte e dall’altra ; e ci vuole un miracolo dell’estremo difensore neroazzurro per dire di no al colpo di testa in mischia di Curado che aveva girato alla perfezione il corner di Messias.

In pieno recupero viene espulso Belli per un’entrata troppo energica ai danni di Molina, decisione che appare davvero troppo affrettata da parte del direttore di gara ; ed il Crotone ne approfitta prontamente con il cross dalla destra di Musacchio che pesca la testa di Simy che fa secco Gori. Ed ancora una volta nel finale il Pisa perde una partita che non si meritava affatto di perdere … peccato, anche se rimane la buona prestazione di capitan Benedetti e compagni

Condividi questo articolo

Pubblicità