Passare il tempo con un buon libro

Ognuno di noi, in questi giorni dove le uscite devono necessariamente essere limitate, ha molto più tempo da dedicare agli hobby, alle passioni. Questa, facendo della necessità una virtù, potrebbe essere l'occasione per passare il tempo con un buon libro. Ecco dunque alcuni titoli che consiglio.

Narrativa

Il rosso e il nero (Le Rouge et le Noir)Stendhal – Pubblicato nel 1830 è il secondo e più celebre romanzo dello scrittore francese. Il sottotitolo che compariva sulla copertina delle prime edizione è già di per sé dichiarativo: Chronique du XIXe siècle. Il romanzo racconta del giovane Julien Sorel, ambizioso precettore e grande conoscitore delle lettere latine, e della sua scalata verso il riconoscimento sociale. Una storia di passioni violente e di cupe riflessioni, che si articola nella Francia del diciannovesimo secolo.

Bar SportS. Benni – classico della narrativa umoristica italiana, pubblicato nel 1976 da Mondadori. Motivo portante dello scritto è l’ironia che caratterizza l’autore, e che lo porta ad estremizzare in modo surreale alcune situazioni tipicamente italiane, proprio come quella del bar di provincia con i suoi coloriti avventori. Una lettura consigliata, soprattutto per i nostalgici della colazione fuori da casa.

Gialli

Millennium (Trilogia)S. Larsson – Una serie di romanzi polizieschi ambientati nella Svezia contemporanea. Pubblicata dopo la morte dell’autore, la trilogia è composta da “Uomini che odiano le donne” (Män som hatar kvinnor, 2005); “La ragazza che giocava con il fuoco” (Flickan som lekte med elden, 2006) ed infine “La regina dei castelli di carta” (Luftslottet som sprängdes, 2007). La trama segue le vicende di Mikael Blomkvist, caporedattore di una testata giornalistica, che con l’aiuto della giovane hacker Lisbeth Salander indagherà sulle pericolose associazioni criminali europee. La serie Millennium è stata ampliata con altri tre libri, l’ultimo dei quali pubblicato nel 2019, scritti dallo svedese David Lagercrantz.

Il sorriso di AngelicaA. Camilleri – Il diciassettesimo romanzo del Commissario Montalbano, pubblicato nel 2010 da Sellerio. Le indagini del “dottore”, oramai sulla soglia dei sessant’anni, subiscono un rallentamento quando si abbandona alla passione per la bella e giovane Angelica, che tanto, non solo nell’aspetto, ricorda la celeberrima donna che fece andare su tutte le furie Orlando.

Fantascienza

Ma gli androidi sognano pecore elettriche? (Do Androids Dream of Electric Sheep?) - Philip K. Dick – Romanzo di fantascienza del 1968, racconta di un mondo futuristico dove l’agire umano ha quasi completamente reso il pianeta inabitabile. In questo scenario post-apocalittico, dove gran parte degli uomini sono migrati in colonie “extra-mondo”, a Rick Deckard, un cacciatore di taglie, spetta il compito di trovare ed eliminare sei replicanti in fuga. Vi ricorda qualcosa? Da questo romanzo è stato tratto il film del 1982 “Blade Runner”

Trilogia della FondazioneI. Asimov – Una serie di racconti raccolti insieme, pubblicati per la prima volta sulla rivista “Astounding Stories” nel corso degli anni Cinquanta. La trilogia è stata successivamente espansa con altri quattro romanzi, che sono andati a formare il “Ciclo delle Fondazioni”. Tutte le storie che ritroviamo in questi libri parlano del futuro del genere umano, oramai unica specie dominante di tutta la Galassia. Un’epica che impressiona per vastità e coerenza. Uno di quei romanzi all’apparenza leggeri, ma che offre degli originalissimi spunti di riflessione sulla nostra società.

Teatro

NovecentoA. Baricco – Monologo teatrale pubblicato da Feltrinelli nel 1994. L’autore stesso lo definisce come una via mediana tra “una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce”. L’opera parla di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento, trovato ancora in fasce sul transatlantico Virginian, e della sua vita passata sempre a bordo del piroscafo dove suona il pianoforte. Nel 1998 dal monologo è stato tratto un film di grande successo, “La leggenda del pianista sull’oceano”, diretto da Giuseppe Tornatore.

I Masnadieri (Die Räuber)F. von Schiller – Dramma in cinque atti con cui esordì a Mannheim nel 1782 il drammaturgo tedesco. Opera giovanile in cui il sentimento rivoluzionario del futuro filosofo divampa contro le istituzioni politiche e sociale dell’epoca. “I Masnadieri” racconta delle lotta tra fratelli per il controllo del castello di Franconia, in Germania. Una lotta nata in nome della libertà fino alla consapevolezza che non si può “sognare di liberare il mondo, commettendo atrocità” poiché questo “scardinerebbe dalle basi tutto l'edificio del vivere civile”.

Per le informazioni di cronaca seguite i notiziari in diretta alle 14.30 ed alle 20.30

Condividi questo articolo

Pubblicità