La nuova ordinanza che riapre terme, circoli, aree per il gioco

L'assessore della Regione Toscana Vittorio Bugli ha spiegato la nuova importante ordinanza varata dalla Regione Toscana che riguarda strutture turistiche e ricettive, circoli, aree e spazi per il gioco. 

In particolare essa consente l'apertura degli stabilimenti termali, dei circoli ricreativi e culturali, delle aree gioco per bambini.

nuove ordinanze della Regione Toscana per le strutture ricettive

Sono regole che, dice Bugli, consentono lo svolgimento di ogni attività "in perfetta sicurezza".

Cosa accadrà il 3 giugno?

In conclusione abbiamo chiesto a Bugli come si esprimerà la Regione Toscana nel caso che il governo autorizzi gli spostamenti tra tutte le regioni a partire dal 3 giugno. "Presto per dirlo - risponde l'assessore - dovremo valutare attentamente la decisione, che non arriverà prima di un paio di giorni, e poi decideremo".

Un altro fronte caldo con Roma è quello sulla data delle elezioni. "La proposta è quella del 20 settembre, a questo punto siano le forze politiche in Parlamento a decidere".

I contenuti della nuova ordinanza

Leggi qui tutta l'ordinanza numero 60 della Regione Toscana. Un ampio servizio è nel nostro telegiornale in diretta della sera.

In pratica con queste norme la Regione Toscana riapre le terme, i circoli ricreativi e culturali , le aree gioco per i bambini e i parchi a tema. Riattiva alcuni percorsi di formazione che non sono realizzabili solo a distanza.  Poi modifica e in qualche caso ‘alleggerisce’ alcune norme che riguardano le strutture turistiche e ricettive (campeggi, agriturismo, stabilimenti balneari). Qualche esempio? Il bagnino farà il test sierologico e negli alberghi il buffet  potrà essere consentito se c’è il servizio di un operatore.

Gli allegati dell'ordinanza

Le norme nel dettaglio le possiamo leggere negli allegati che trovate tutti sul nostro sito, in evidenza.

Allegato 1 - Ristorazione
Allegato 2 - Campeggi e villaggi
Allegato 3 - Parchi tematici e di divertimento
Allegato 4 - Balneari
Allegato 5 - Formazione
Allegato 6 - Biblioteche e archivi

Bugli: "facciamo tutto in sicurezza"

C’è insomma il via libera alle attività nei circoli ricreativi e culturali, alla riapertura delle aree giochi per bambini e alle terme e centri benessere. Le nuove linee guida sono la premessa per poter riaprire in sicurezza.

Terme e centri benessere applicheranno in parte la misura già prevista per gli stabilimenti balneari_ dieci metri quadri ad ombrellone, un metro e mezzo di distanza tra le attrezzature. Nelle vasche termali dove si potrà nuotare l’indice di affollamento sarà lo stesso delle piscine, ovvero una persona ogni sette metri quadri

Potranno riaprire anche le aree giochi per bambini. Necessario mantenere sempre un metro di distanza e garantire l’igienizzazione (anche delle mani).

Circoli culturali e ricreativi potranno riprendere le loro attività privilegiando quelle a piccoli gruppi e all’aria aperta. Come per i ristoranti, dovranno tenere un registro quotidiano delle presenze da conservare per due settimane.

Via anche alla formazione

Ricominceranno le prove pratiche dei corsi di formazione, compresi gli esami. L’importante sarà disinfettare le attrezzature dopo ogni uso, usare le mascherine e mantenere le distanze. Si potranno riprendere gli stage in azienda. Le linee guida, che consentiranno presto anche la riapertura dei parchi a tema, sono state adottate dalla Conferenza delle Regioni e a cui la Toscana – dice Bugli - ha fornito un contributo importante.

Condividi questo articolo

Pubblicità