Moschea: per il Tar si può fare. E lo Stadio?

PISA - Moschea: per il Tar si può fare. E lo Stadio?

Capovolgimento di fronte, dunque, in pochi giorni all’ombra della torre. Nell’ultima seduta del Consiglio Comunale c’era stata la bocciatura del progetto Moschea con l’approvazione della variante per la riqualificazione dello Stadio. Ora la sentenza del Tribunale della Toscana apre ad un nuovo “punto e a capo”. Il Tar accoglie le istanze presentate dalla comunità islamica relativamente al diniego a poter costruire la Moschea ed il centro islamico nell’area di Via del Brennero.

Moschea: per il Tar si può fare. E lo Stadio?

La sentenza stravolgerebbe la variante appena approvata dall’assemblea cittadina e rimetterebbe tutto in gioco.

Molti i  commenti sulla vicenda.

Interviene in primis l'ex sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, per il quale la <<decenza - citiamo testualmente - imporrebbe le dimissioni della giunta targata Conti. La sentenza  che annulla tutti gli atti del Comune di ostacolo alla realizzazione del luogo di culto della Comunità Islamica pisana è una totale sconfessione all'operato del sindaco Conti, della Giunta, di chi ha collaborato a formulare provvedimenti pienamente illegittimi. Conferma, invece, ciò che più volte anch'io - spiega Filippeschi - mi ero permesso di rilevare e che hanno dimostrato in sede i giustizia i legali della Comunità. E' un colpo durissimo alla credibilità dell'amministrazione della destra a trazione leghista, che avviene all'indomani dell'approvazione della variante-stadio, traballante e condizionata dal sopruso tentato in contrasto alla Costituzione per limitare la libertà di culto. >>

Moschea: per il Tar si può fare. E lo Stadio?

Non può non commentare il Pd. IN una nota giunta in redazione si legge: <<L'avevamo detto e ridetto che il tentativo di impedire la realizzazione della moschea da parte della giunta leghista collegando il diniego al luogo di culto con la variante allo stadio sarebbe stato pericoloso per il futuro dell'impianto sportivo. Sottolineavamo, infatti, che se  fosse intervenuta nel solco della nostra Costituzione una sconfitta della linea discriminatoria e oltranzista della destra contro la libertà di culto, avrebbe bloccato per anni qualsiasi atto che l'avesse contenuta, come appunto la variante dello stadio. E così è stato: l'arroganza e la demagogia del sindaco di Pisa, dei suoi assessori, della sua maggioranza e di chi li supporta, hanno trascurato la città a prendere un sonoro schiaffone da parte del Tar che ha smontato per intero la farsa fin qui condotta. Gli stessi giudici sottolineano che era chiara e palese l'intenzione di impedire la concessione del diritto a costruire la moschea, altro che fantomatiche esigenze urbanistiche! ... Oggi il Tar scrive una parola di giustizia che va salutata come una vittoria di tutti e non solo della comunità islamica.>>

Moschea: per il Tar si può fare. E lo Stadio?

Appena arriverà in redazione verrà aggiunta anche una nota del sindaco di Pisa, Michele Conti.

Sulla vicenda Telegranducato ha realizzato un servizio in onda nel nostro telegiornale e visibile on line sulla Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità