Immuni debutta in tutta Italia

Dopo una settimana di sperimentazione in quattro regioni, Liguria, Abruzzo, Marche e Puglia, l'app Immuni debutterà in tutta Italia, quindi anche in Toscana. Secondo il sito predisposto del Ministero dell'Innovazione, queste saranno le caratteristiche dell'applicazione:"Il sistema è basato sulla tecnologia Bluetooth Low Energy e non utilizza dati di geolocalizzazione di alcun genere, inclusi quelli del GPS. L'app non raccoglie e non è in grado di ottenere alcun dato identificativo dell'utente, quali nome, cognome, data di nascita, indirizzo, numero di telefono o indirizzo email. Immuni riesce quindi a determinare che un contatto fra due utenti è avvenuto, ma non chi siano effettivamente i due utenti o dove si siano incontrati."

Immuni: le parole del Premier

In merito all'utilizzo dell'app si è espresso anche il primo ministro, Giuseppe Conte:

 "La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy, ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati."- ha assicurato il premier- "Siamo orgogliosi, siamo stati tra i primi in Europa, se non addirittura i primi nel mondo occidentale ad avere raggiunto il risultato" - aggiungendo - "Immuni ha superato il vaglio molto severo degli istituti internazionali più rigorosi e accreditati"

Immuni

Applicazioni satellite

Alcune app affiancano Immuni nel tentativo di tracciamento dei contagi o di rendere più efficaci i servizi ai cittadini. Sono almeno una sessantina le iniziative avviate su scala regionale in campo digitale censite dall'Instant Report Covid-19 dell' Università Cattolica. A Siena, per esempio, tra le misure adottate per le visite alla Cattedrale e al Museo, vi è la necessita di scaricare l'app "The Right Distance". Il programma serve a mantenere la giusta distanza tra le persone e non richiede l'inserimento di dati personali. Non mancano iniziative analoghe neanche in ambito aziendale.

La digitalizzazione in generale

L'app Immuni è una sorta di banco di prova per il l'inizio della trasformazione digitale auspicata dalla ministra Paola Pisano. A seguito della prima giornata degli "Stati generali dell'economia" la ministra ha infatti affermato: "Al centro della giornata c'è stato il tema della digitalizzazione del Paese. Siamo impegnati sull'infrastruttura tecnologica di connettività, la tecnologia non dev'essere esclusiva ma inclusiva. Mai come oggi ci siamo resi conto della sua importanza. Il governo è molto attento alla trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione".

Per essere sempre informato con le nuove dal territorio segui la nostra live-tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità