Livorno, le piscine rischiano di rimanere chiuse

Livorno rischia di restare senza piscine. Infatti, da quando ne è stata decretata la chiusura per via dell'emergenza, il 5 marzo, le vasche sono state svuotate e mai più riempite, neanche dopo il via libera del Governo. Questa la soluzione scelta da Officine dello Sport, società controllata da Sport Management, a cui era stata affidata in concessione la gestione degli impianti Camalich - Neri e Bastia. L'azienda fa sapere di non essere più in grado di sostenere l'investimento, anche e soprattutto a causa della contrazione del fatturato subita negli ultimi mesi.

Piscine, la mediazione del Comune

piscine

Il sindaco Luca Salvetti ci aveva provato ad imbastire un tavolo di trattativa con Sport Management. Durante gli ultimi giorni i contatti tra il palazzo civico e l'azienda sono stati frequenti, ma infine non si è trovata la soluzione. Infatti Sport Management aveva chiesto all'amministrazione un ulteriore impegno economico reputato troppo ingente per il bilancio comunale. L'azienda ha quindi optato per la messa in liquidazione di Officine dello Sport, il braccio operativo che gestisce le piscine livornesi. Decisione che sancisce la fine della gestione degli impianti e dunque della concessione.

Gestione provvisoria e nuovo bando

Se le questioni economiche sono il leitmotiv delle considerazioni e delle scelte di una Spa, lo stesso non si può dire dei bisogni dei cittadini. Infatti, sebbene gli impianti livornesi siano generalmente chiusi nei mesi estivi, anche a settembre la città rischia di rimanere con le piscine vuote. Questo sarebbe un duro colpo per tutto il mondo del nuoto labronico e non solo, sono in molti infatti ad usufruire delle vasche durante l'anno. E questo è quel che vuole scongiurare il sindaco Salvetti, pronto ad affidare provvisoriamente le strutture ad un nuovo gestore, prima di predisporre un nuovo bando pubblico. Resta ora da vedere se le realtà impreditoriali risponderanno all'appello del sindaco.

I nostri notiziari sono visibili anche online, sulla Live-tv di Telegranducato.

Condividi questo articolo

Pubblicità