Frode al fisco per 15 milioni: nei guai due fratelli

PISA - Due fratelli imprenditori del settore immobiliare avrebbero frodato il fisco, grazie a una falsa cooperativa e all'utilizzo di fatture fasulle. E' quanto spiega la guardia di finanza di Pisa che ha condotto le indagini che hanno portato a un provvedimento di sequestro preventivo, emesso dal gip pisano, nei confronti di una cooperativa di Pisa e di una società immobiliare di Livorno per i reati di evasione fiscale e autoriciclaggio. Gli accertamenti, coordinati dalla procura di Pisa, avrebbero permesso di ricostruire "un vorticoso giro di fatture false, quantificato in oltre 4 milioni di euro, con una evasione del fisco pari a 15 milioni".
Secondo quanto spiegato dalle fiamme gialle uno dei fratelli era amministratore di una coop che tale però non sarebbe stata per la Gdf: pur usufruendo di tutte le agevolazioni fiscali previste per le società con fine mutualistico, gli immobili precedentemente acquistati e successivamente ristrutturati, non venivano venduti ai soci della cooperativa, ma all'immobiliare livornese. Società quest'ultima gestita dall'altro fratello. I due inoltre, attraverso le rispettive aziende, avrebbero emesso e utilizzato fatture false con lo scopo di fare confluire nella immobiliare di Livorno i ricavi delle vendite degli immobili, i cui flussi finanziari venivano giustificati contabilmente con prestazioni di intermediazione nei confronti della società pisana, in realtà mai effettuate. Quest'ultima, a sua volta, otteneva la sua parte di guadagno illecito, in termini di evasione fiscale, annotando nella sua contabilità i costi delle prestazioni di intermediazione mai svolte che - a fine anno - abbattevano notevolmente l'utile d'esercizio da dichiarare all'Erario.

Servizi di cronaca nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità