Livorno presenta il ‘suo’ recovery plan

Si chiama “Next Generation Livorno” ed è il “recovery plan” della città di Livorno, della sua provincia, e di una parte significativa della Toscana (Pisa, la Valdera  e le aree verso Firenze).

L’opera più costosa è la tramvia dei Navicelli: servono 484 milioni, può unire da vicino, in sicurezza e in tempi rapidi, Livorno e Pisa.

Quella più ambiziosa è certamente “gli Uffizi a mare”. Dove? Nelle Terme del Corallo, che potrebbero così essere restaurate e riqualificate.

Tra i progetti lo spostamento del depuratore del Rivellino, infrastrutture per il contenimento dell’erosione della costa, interventi nelle scuole. E poi digitalizzazione e mobilità sostenibile.

A questo indirizzo ci sono tutti i progetti (per titolo, tipologia e investimento).

Tutta la presentazione in tv (anche in replica)

La presentazione davanti ai giornalisti e agli amministratori di quest’area è stata in diretta tv. Telegranducato trasmetterà la replica domenica 31 gennaio alle 21.30 e mercoledì 3 febbraio alle 22.30. Qui l'indirizzo per lo streaming.

la presentazione del "recovery plan" per Livorno

Oltre al sindaco Luca Salvetti, hanno parlato la presidente della Provincia di Livorno Marida Bessi, il professor Paolo Dario (Scuola Superiore Sant’Anna) e Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

Proprio Giani ha parlato di “esempio virtuoso” e “bel segnale” per gli altri territori e ha garantito l’impegno della sua giunta per sostenere questi progetti. Non solo: per Giani il porto di Livorno dovrà diventare centrale anche nel “Piano di ripresa e resilienza” (il “recovery plan” nazionale). Ed entro tre mesi il governo dovrà nominare il commissario per la “tirrenica”, altrimenti – prosegue il presidente – “metterò in mora l’esecutivo”. Tradotto: la Regione darà battaglia su questa strada attesa da tanti decenni.

A proposito di mobilità, nel documento è stato inserito anche il “lotto zero” (il collegamento tra Maroccone e Chioma), che doveva essere una delle opere di “compensazione” per l’autostrada. La concessione adesso non è più della Sat, passerà all’Anas. Ma questo nodo resta irrisolto. Sulla “tramvia dei Navicelli” è intervenuto anche l’assessore del Comune di Pisa Massimo Dringoli: “un’opera che migliorerebbe la vita”.

Anche la tramvia è realizzabile comunque entro il 2026, il termine previsto dalla Commissione Europea.

Paolo Dario: recovery plan occasione straordinaria

Un grande aiuto lo ha dato Paolo Dario, professore della Scuola Sant’Anna e scienziato di fama mondiale. Che nell’intervista va anche oltre questo elenco. La chiave – dice – sta nella conoscenza. L’innovazione potrà creare occupazione strutturale, di sistema e di qualità. E ce n’è davvero molto bisogno, in un periodo (e in una realtà) che ha subito una grave crisi dell’occupazione.

Next Generation Livorno, il recovery plan livornese

Condividi questo articolo

Pubblicità