Arrestati due tunisini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

PISA - Arrestati due tunisini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione è stata compiuta nelle scorse ore a Pisa dalla Polizia. Gli stranieri arrestati, entrambi clandestini, hanno 32 e 26 anni. Sequestrati anche quasi 6 etti di eroina. La droga opportunamente tagliata e divisa per lo spaccio al dettaglio, avrebbe fruttato 3.000 dosi ed un ricavo tra gli 80.000 ed i 100.000 euro. Il risultato della Polizia è frutto di un dettagliato monitoraggio delle aree oggetto di segnalazioni dei cittadini residenti e dei conseguenti riscontri operativi, come la zona della Stazione ferroviaria e di piazza delle Vettovaglie, che gli investigatori della Squadra Mobile della Questura stanno portando avanti dall’inizio dell’anno.

 

ritrovata la 17enne scomparsa da casa da agosto

Arrestati due tunisini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti

Nelle ultime 2 settimane in centro storico sono stati arrestati dai poliziotti 6 spacciatori, mentre un settimo è stato denunciato a piede libero perché minore. Dall’attento monitoraggio e dalla perfetta conoscenza del sottobosco criminale i poliziotti sono risaliti ad alcune autovetture in uso agli spacciatori nordafricani, creando una sorta di black list delle vetture sospette; una di queste autovetture, un’auto di media cilindrata e già con qualche anno alle spalle, scelta apposta dagli spacciatori per mimetizzarsi e non dare nell’ occhio è stata notata da una pattuglia che, in abiti civili, si era appostata in zona Ospedaletto, altra area nota alla Narcotici per la periodica presenza di spacciatori. L’auto era parcheggiata nei pressi di un campo incolto, ai limiti di una boscaglia; i poliziotti si sono appostati dietro i cespugli, per poi intervenire al momento opportuno e far scattare le manette ai due giovani.

 

 

Arrestati due tunisini per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Abbiamo realizzato un servizio inserito nel nostro telegiornale e visibile sulla nostra live tv.

 

Condividi questo articolo

Pubblicità