Pistoia e Siena in zona rossa, Giani firma le ordinanze

FIRENZE - Pistoia e Siena zone rosse per nove giorni a partire da questo sabato 27 febbraio. Il presidente della Regione Eugenio Giani ha firmato le due ordinanze con le quali si dispongono provvedimenti restrittivi in tutti i comuni delle due province fino a domenica 7 marzo compresa.

Il provvedimento si è reso necessario in nome del "principio di precauzione" raccomandato dalle indicazioni tecnico-scientifiche contenute nelle disposizioni nazionali. Si è quindi deciso di adottare provvedimenti limitativi degli spostamenti delle persone nonché la sospensione di alcune attività per evitare l'ulteriore diffusione del contagio in zone dove si è registrato un forte peggioramento del quadro epidemiologico.

Sono state quindi stabilite anche per queste due province le misure restrittive per il contenimento del contagio previste a livello nazionale per le aree caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto, secondo quanto previsto dal Dpcm del 14 gennaio 2021 (articolo 3). Si tratta delle stesse misure già in vigore nei Comuni di Chiusi e di Cecina e che, come si legge nel testo delle ordinanze, potranno essere eventualmente reiterabili sulla base dell'evoluzione del contesto epidemiologico.

Fra le altre restrizioni è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale, nonchè all'interno del medesimo salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

E' consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell'ambito del territorio comunale, una volta al giorno. Sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Restano aperti edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.

Cecina zona rossa, esami di massa sulla popolazione

 

CECINA - Si è svolta la riunione operativa per mettere a punto i dettagli dell'operazione di screening Territori Sicuri, organizzata da Comune di Cecina (Livorno), Regione Toscana e Azienda Usl Nord Ovest, con la collaborazione di Anci, Ars e associazioni di volontariato. Il monitoraggio sulla diffusione del Sars-Cov-2 e delle sue varianti, sarà preceduto da uno screening promosso dal Comune con il supporto della Pubblica Assistenza di Cecina, che ha messo a disposizione personale e locali, e riguarderà la scuola elementare Marconi di San Pietro in Palazzi, studenti e operatori scolastici. Le famiglie saranno contattate direttamente dalla scuola e sarà loro offerta la possibilità di effettuare un tampone antigenico rapido, il cui costo è coperto dal Comune, allo scopo di 'quantificare' la diffusione del virus e poter programmare il ritorno alla didattica in presenza. Da martedì invece prenderà il via la campagna di screening 'Territori Sicuri', aperta a tutta la popolazione di Cecina. Saranno organizzate sei linee per l'effettuazione dei test, per 1.440 tamponi al giorno. I tamponi saranno di tipo antigenico e molecolare, e saranno tutti inviati in laboratorio, attivo anche in orario notturno, per la ricerca del virus e delle sue varianti.

"Si tratta - sottolinea il sindaco Samuele Lippi - della prima volta in Toscana che viene fatta un'operazione di questa portata. La partecipazione è su base volontaria, ma l'invito è ad una adesione il più ampia possibile. In particolare mi rivolgo a tutti i cittadini over 50, dal momento che i dati, anche su segnalazione dell'Ars, ci parlano di una forte diffusione del virus nel nostro territorio nella fascia di età più alta. Rinnovo anche l'appello a quanti, tra i sanitari, possono mettere a disposizione in modo volontario tempo per collaborare alle operazioni: abbiamo già ricevuto delle adesioni e ringrazio quanti hanno dato la loro disponibilità". Per offrirsi volontari, medici e infermieri possono scrivere alla mail unitacrisi@comune.cecina.li.it.

Lo screening verrà effettuato a partire da martedì e durerà almeno fino al sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, nel parcheggio ex vivaio della Forestale, lungo viale Galliano a Marina di Cecina. Non è un drive through: i cittadini dovranno recarsi ai gazebi e alle postazioni mobili a piedi. I cittadini possono prenotarsi al link www.territorisicuri.sanita.toscana.it (l'opzione 'Cecina' verrà attivata nelle prossime ore). Per la prenotazione è necessario inserire nome, cognome, cellulare e codice fiscale. Il giorno del test sarà poi necessario presentare documento di identità e tessera sanitaria. I referti saranno poi progressivamente disponibili sul portale regionale apposito (referticovid.sanita.tosca.it) e sul proprio fascicolo sanitario elettronico. Una linea sarà interamente dedicata alla scuola e rivolta quindi agli studenti e agli insegnanti di Cecina (che vivono e studiano nel comune, che risiedono qui ma studiano altrove, che risiedono altrove ma studiano nel Comune).

 

Servizi di cronaca nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità