Sopralluogo della Lega in via Rospicciano per focolaio

PONSACCO - Sopralluogo della Lega in via Rospicciano al palazzo che in questi giorni è stato al centro di polemiche. Ospita nuclei di famiglie rom e alcune di queste sono risultate positive al Covid. La Lega, con i suoi responsabili locali e regionali, si è recata sul posto per richiamare l’attenzione sulle condizioni, a suo dire, difficili che vivono gli abitanti dell’area a causa della situazione. E’ soprattutto l’europarlamentare Ceccardi a tornare sulle polemiche non certo per spegnerle ma per rialimentarle.

Sopralluogo della Lega in via Rospicciano

Nate dopo il focolaio Covid emerso nel palazzo di via Rospicciano, l'europarlamentare Susanna Ceccardi, era stata tirata in ballo dal primo cittadino di Cascina, Francesca Brogi. La stessa avrebbe accusato la Ceccardi di essere stata all’origine della difficile situazione di via Rospicciano quando, da sindaca di Cascina, sgomberò il campo Rom di Navacchio e alcuni residenti si trasferirono proprio lì. "La soluzione per ripristinare la legalità ma soprattutto la sicurezza sanitaria ora è lo sgombero dello stabile", dice Ceccardi che respinge al mittente tutte le accuse.

 

Ceccardi per focolaio a Ponsacco

Ceccardi per focolaio a Ponsacco

Sopralluogo della Lega in via Rospicciano

"La situazione in questo complesso abitativo nasce ben prima - ha replicato secca Ceccardi in una conferenza stampa convocata stamani sul posto assieme a Giorgio Petralli (commissario della Lega a Ponsacco), i consiglieri comunali della Lega Pericle Tecce (coordinatore comunale della Lega a Ponsacco) e Gianluca Tuzza e al consigliere regionale e commissario provinciale della Lega a Pisa Marco Landi - con la Società della Salute area pisana che aveva stipulato contratti di affitto per mandare proprio qui alcuni Rom".

Sopralluogo della Lega in via Rospicciano

"Il Palazzo di via Rospicciano era già ampiamente abitato. Quando l'Amministrazione Comunale di Cascina, da me guidata, decise di ripristinare la legalità chiudendo il campo di via di Nugolaio e togliendo i bambini della strada, alcuni nuclei del campo decisero autonomamente, perchè con reddito, di venire ad abitare in via Rospicciano, che è un palazzo privato, affittato dai proprietari."

"Dove è che il sindaco deve intervenire?", chiede Ceccardi. "Col dimensionamento abitativo deve vedere quante persone possono abitare in quello stabile, quanti bagni ci sono, se vengono rispettate le norme igienico sanitarie, soprattutto in una fase di Covid. Come mai il sindaco di Ponsacco ha aspettato tutti questi anni e ha aggravato questa situazione? Altre famiglie da tutta la Toscana si sono trasferite qui nel frattempo, oggi ci sono 250 residenti e il campo di Nugolaio aveva solo trenta abitanti.”

L’europarlamentare Ceccardi chiede che la sindaca convochi un tavolo con il prefetto per risolvere la situazione. La nostra emittente ha realizzato un servizio inserito nel nostro telegiornale e visibile sulla nostra live tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità