25 aprile, le celebrazioni nella città labronica

LIVORNO - In occasione del 76esimo anniversario della Liberazione del nostro Paese dal nazifascismo, avvenuta il 25 aprile 1945, anche Livorno come ogni anno, ha partecipato a questa importante giornata con una serie di iniziative, come lo scorso anno, in forma ristretta a causa della pandemia.

Nelle prime ore del mattino una delegazione del Partito Democratico di Livorno ha depositato un fiore alla lapide all’angolo tra via Garibaldi e via Galilei.

Al Monumento ai Caduti in piazza della Vittoria, deposizione di due corone di alloro (una del Comune e una del Presidio Militare). Presenti: il Prefetto, il Sindaco, la Presidente della Provincia, il Comandante del Presidio Militare e il Presidente provinciale dell’Associazione Combattenti e Reduci e i gonfaloni del Comune e della Provincia.
Dopodichè autorità e rappresentanze, passando da via Magenta, si sono ritrovate in via Ernesto Rossi. Lenny Bottai, segretario del Partito comunista Livorno, ha reso omaggio ai caduti.
Prima che il prefetto, il Sindaco, la Presidente della Provincia, il Comandante del Presidio Militare, il Presidente della Comunità Ebraica livornese e il Presidente del Comitato Provinciale ANPI deponessero due corone (una del Comune e una della Comunità Ebraica) al Bassorilievo al Partigiano.

L’ultimo step della cerimonia si è svolto nella Sala Consiliare del Palazzo Comunale, con una cerimonia ufficiale alla quale hanno partecipato anche i rappresentanti di ISTORECO, ANEI, ANED, ANPPIA e ANPI.

 

Un ampio servizio nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità