Fallimenti e frode fisco, 29 arresti e sequestro 40 milioni

FIRENZE - La Guardia di finanza di Firenze sta procedendo, con la collaborazione di altri reparti del Corpo, nelle province di Firenze, Arezzo, Prato, Grosseto, Rovigo e Vibo Valentia, all'arresto di 29 persone, ritenuti, a vario titolo, responsabili di un'associazione criminale e della commissione di reati fallimentari e tributari, e al sequestro di ingenti patrimoni per oltre 40 milioni di euro.

I destinatari delle misure sono 24 imprenditori di origine cinese, finiti ai domiciliari, e cinque professionisti di uno studio associato con sede a Sesto Fiorentino (Firenze) che forniva consulenze alle imprese coinvolte nell'inchiesta, raggiunti dalla misura della custodia cautelare in carcere. Un'altra persona è stato sottoposta all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Gli imprenditori arrestati sono considerati dagli investigatori i titolari di fatto di oltre 80 aziende operanti nel settore della produzioni di articoli di pelletteria che, attraverso il cosiddetto meccanismo 'apri e chiudi', si sottraevano sistematicamente al pagamento delle imposte.

Secondo quanto spiegato dalla guardia di finanza, le ditte individuali finite al centro dell'inchiesta, gestite di fatto dagli imprenditori finiti ai domiciliari, adempivano formalmente agli obblighi dichiarativi sia fiscali che contributivi, ma maturavano consistenti debiti verso l'Erario che poi non saldavano, e avevano un ciclo di vita molto breve, in media tre anni, in modo da eludere il sistema dei controlli.

Perquisizioni delle fiamme gialle sono in corso in una sessantina di siti produttivi cinesi del distretto economico fiorentino e pratese, con l'ausilio di ispettori dell'Inps, della Asl e dei finanzieri del reparto operativo aeronavale della Gdf di Livorno.

Il servizio nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità