Fisco, fratelli costruttori evadono tasse e Iva

LIVORNO - Scoperti dalla guardia di finanza a Livorno tre fratelli, imprenditori edili, che, con due complici, hanno nascosto al Fisco redditi imponibili per oltre mezzo milione di euro, con un'evasione da 140 mila euro di Iva.

L'accertamento è scattato grazie a una segnalazione del sistema anti-riciclaggio. Uno dei costruttori è risultato evasore totale per cui è stato pure denunciato per omessa presentazione della dichiarazione, avendo superato le soglie di punibilità penale (50.000 euro evasi per singola imposta e annualità). Proprio partendo da una segnalazione antiriciclaggio, i finanzieri hanno attivato accertamenti, anche bancari. I cinque infatti, secondo quanto evidenziato nelle indagini, avevano un'anomala operatività sui conti correnti che evidenziava in realtà il non corretto pagamento delle imposte. Così, al termine di cinque verifiche fiscali simultanee, i finanzieri hanno recuperato a tassazione 540.000 euro di redditi non dichiarati e 125.000 euro di costi non deducibili; hanno rilevato un'Iva evasa per 150.000 euro e constatato 30.000 euro di redditi "occultati" anche ai fini dell'Irap nonché ulteriori 30.000 euro di omessi versamenti tributari.

Servizi di cronaca nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità