Toccafondi si presenta alla città. Cori e tifo allo stadio

LIVORNO - E' ufficialmente iniziata l'era Toccafondi. Il nuovo presidente dell'Us Livorno 1915 (c'è stata la consegna ufficiale del marchio da parte del presidente del Club Magnozzi Enrico Fernandez) è stato accolto con grande entusiasmo dai tifosi del amaranto.

Toccafondi

Conferenza insolita che si è svolta sulla pista di atletica dell'Armando Picchi.

Toccafondi

Imprenditore solido, uomo di calcio, conoscitore della storia del Livorno, un presidente apparso subito serio, tosto con un carattere deciso e sarcastico tipico dei toscani. Ma anche un uomo della porta accanto. Si è rivolto subito con grande disinvoltura e schiettezza alla tifoseria amaranto che ha dimostrato ancora una volta di avere una voglia matta di ripartire e di far rinascere il glorioso Livorno. I tifosi gli hanno dimostrato fiducia.

Toccafondi

I tempi sono davvero stretti e l'obiettivo è quello di creare una squadra che possa vincere il campionato di Eccellenza. Piazza esigente, la sfida per Toccafondi è enorme:"Livorno è diversa per questo ho praticamente accettato fin da subito la proposta che Cristiano Lucarelli mi ha fatto al telefono", le prime parole del patron amaranto che ha rifiutato la sciarpa amaranto perché "prima devo meritarmela. Come persona prima ancora che per i risultati". Toccafondi ha poi ammesso che "se prendo il Livorno in Eccellenza ho l'obbligo di vincerla così come in serie D. Siamo in grande ritardo - ha ammesso il presidente - ma ci dobbiamo comunque provare. Una cosa è certa, io non lascerò chiodi".

"A Prato - continua Toccafondi - in 42 anni non siamo mai falliti ed è importante avere sempre la stessa matricola. Ci è mancata solo la serie B e quando me ne sono andato ho regalato la società lasciando mille lire nel conto corrente e con fornitori e dipendenti che non avanzavano nulla". Ed a proposito dei dipendenti dell'As Livorno Calcio:"Devo essere sincero ed obiettivo. Sarà impossibile riprenderli tutti perché la struttura dell'Eccellenza non può essere come quella di serie B ma sto facendo colloqui e farò il massimo in tal senso. Uno l'ho già confermato".

Toccafondi

E' Francesco Buglio l'allenatore scelto per l'Us Livorno e Raffaele Pinzani il direttore sportivo. Al momento, stando alle parole di Toccafondi, 4-5 giocatori hanno già dato la propria disponibilità. Dalla prossima settimana il presidente farà richiesta di affiliazione al Comitato regionale toscano e verserà 100mila euro a fondo perduto per l'iscrizione

"Le squadre sono già fatte e la maggior parte dei giocatori hanno già squadra - ha ammesso Toccafondi - Chi non vorrà venire da noi nonostante non abbia una squadra lo lasceremo perdere ma entro il 1 settembre vorrei avere una ventina di calciatori di cui la metà nostri e altri in prova; ho intenzione di portarli in ritiro. I tre fuoriquota giocano un ruolo fondamentale per cui rivolgo anche un appello: i giovani livornesi che provengono dal settore giovanile della vecchia società sono i benvenuti. Il senso di appartenenza è fondamentale".

Il servizio con le prime parole di Paolo Toccafondi in onda nei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Toccafondi

Nel palinsesto di Granducato TV anche un ampio speciale della prima volta del nuovo presidente amaranto nella casa del Livorno Calcio, lo stadio Armando Picchi.

Toccafondi

Condividi questo articolo

Pubblicità