Entra in centro accoglienza e minaccia migranti, arrestato

PIOMBINO - E' stato trasferito in carcere a "Le Sughere" di Livorno un 27 enne arrestato in flagranza dai carabinieri di Piombino per violazione di domicilio e minaccia, entrambi aggravati dall'uso di un coltello, dopo che si era introdotto in un centro di accoglienza immigrati di Riotorto minacciando di morte tre persone.

L'uomo, nella nottata compresa tra sabato e domenica scorsa, dopo avere usato un coltello da cucina lungo 22 centimetri per scardinare la serratura di una porta finestra al fine di introdursi in uno degli appartamenti presenti in un ex residence di Riotorto, un Centro di accoglienza straordinario per immigrati, ha minacciato di morte tre ospiti, regolarmente occupanti l'alloggio , tutti originari della Guinea, che nelfrattempo si erano svegliati a causa del rumore creato dalla rottura del chiavistello.

I militari, prontamente intervenuti su richiesta del personale addetto alla vigilanza, che nel frattempo erano stati allertati dal frastuono creatosi nella circostanza, dopo aver raccolto le testimonianze delle persone offese e sequestrato il coltello hanno arrestato il 27enne, nigeriano, risultato irregolare sul territorio nazionale. Il gip ha convalidato l'arresto in carcere.

Servizi di cronaca nel corso dei nostri notiziari (14.30 e 20.30) visibili in diretta anche sulla Web TV.

Condividi questo articolo

Pubblicità