BCC di Castagneto chiude il bilancio molto soddisfacente

DONORATICO - BCC di Castagneto chiude e approva il bilancio al 30 giugno 2021 che si chiude con dati importanti e grazie al quale la banca guidata dal Direttore Generale Fabrizio Mannari conferma quelli che ormai rappresentano i propri tratti distintivi: crescita delle masse amministrate, capacità di produrre utili, basso rischio dell’attivo, solidità patrimoniale, efficienza della struttura.
Con riferimento alla crescita delle masse amministrate, gli impieghi a clientela aumentano di 19 milioni rispetto a fine 2020, a testimonianza della consolidata capacità di sostegno creditizio della Banca al proprio territorio di riferimento, ribadita anche durante il periodo di crisi pandemica, durante il quale la BCC di Castagneto ha saputo assicurare un indispensabile supporto, attraverso il sostegno creditizio a famiglie e imprese (con gli strumenti della finanza emergenziale e delle moratorie), ma anche garantendo operatività e assistenza costante ai clienti.
In forte crescita anche tutti i comparti della raccolta da clientela: l’incremento complessivo sfiora i 70 milioni, dei quali 27 sulla raccolta diretta e 43 sulla indiretta.
La BCC di Castagneto si consolida quindi nel ruolo di Banca locale di riferimento delle province di Livorno, Grosseto e Pisa, nelle quali opera con le sue 23 filiali. A tal proposito è già stata richiesta e autorizzata una ulteriore filiale nel comune di San Giuliano Terme da realizzarsi entro la fine del 2021, tappa di avvicinamento alla città di Lucca per la quale si ipotizza l’apertura di uno sportello nei primi mesi del prossimo anno.
“Oggi la Banca di Credito Cooperativo di Castagneto Carducci”, dichiara il Direttore Generale Fabrizio Mannari, “rappresenta un indispensabile supporto per le imprese dell’area di competenza e un riferimento sicuro per i depositanti.

Condividi questo articolo

Pubblicità