Deficit della sanità: come ripianarlo?

Martedì pomeriggio l’assessore Simone Bezzini farà il punto sul deficit della sanità in Toscana. E nel dibattito, con il presidente Giani, capiremo se davvero ci saranno nuove tasse per i cittadini.

I motivi dello squilibrio sono abbastanza chiari. A fronte di spese sempre ingenti per far fronte alla pandemia è aumentata (e di molto) la spesa ordinaria. Le persone sono tornate dal medico per le visite che il lockdown aveva ridotto. E hanno pesato le nuove assunzioni. Il Covid inoltre qui ha picchiato duro soprattutto all’inizio dell’anno, richiedendo ingenti investimenti.

Il totale dello sbilancio, scrivono alcuni giornali, addirittura supera il mezzo miliardo. Lo Stato colmerà certamente una parte di quel vuoto: 100 milioni o forse anche più, 150. Altri 150 sono i soldi risparmiati dalle aziende sanitarie e 200 infine da diversi capitoli. A quel punto i conti quasi tornano. E al limite l’Irpef regionale potrebbe anche aumentare, ma di poco. Oppure l’altra ipotesi è quella di un taglio ai servizi.

Nuove tasse o meno servizi per il deficit della sanità

C’è però anche uno scenario più fosco, ed è quello che le risorse disponibili alla fine si rivelino meno corpose. I ritardi da Roma sono preoccupanti, dice il presidente Giani. E i segnali scoraggiano. Le opposizioni di Centrodestra tuonano da tempo. Se la prendono in particolare con l’assessore. Fratelli d’Italia ne chiede le dimissioni, la Lega denuncia la farraginosità del caso. E Forza Italia dice no ad ogni possibilità di nuove tasse. Un no che arriva anche dalla maggioranza. Il vanto delle giunte toscane in questi anni è stato di non pesare sulle tasche dei cittadini a fine anno.

Martedì probabilmente ne sapremo di più da Firenze, che per il nostro sistema sanitario naturalmente è il cuore di ogni decisione. E’ qui che ogni anno si stabiliscono cifre e destinazioni del bilancio, che nel complesso vale oltre 7 miliardi di euro. E di cui l’85% è destinato proprio alla sanità. Ampi servizi nei nostri telegiornali, in diretta anche streaming.

Condividi questo articolo

Pubblicità