Il mercato delle case nel 2020

Il mercato delle case risente notevolmente dell'emergenza sanitaria. Il Covid nel 2020 ha frenato le compravendite (-8,4%). E soprattutto ha bloccato le nuove costruzioni (-26%). E’ vero però che ci sono evidenti segnali in controtendenza per questo 2021. Nel 55% dei casi l’acquisto avviene ancora stipulando un mutuo. I prezzi si sono abbassati, in media, dell’1,4%. Sono i primi dati del decimo rapporto sulla condizione abitativa in Toscana, che ha monitorato i nostri 2 milioni di immobili. E sono numeri che risentono in maniera forte del periodo di pandemia che abbiamo vissuto.

Assessora Spinelli: "la casa è ancora più importante oggi"

In ogni caso, nota l’assessore regionale Serena Spinelli, “il 2020 è stato l’anno del Covid ma anche quello della casa. Perché, con i ripetuti lockdown, la dimensione abitativa è diventata ancora più centrale per la condizione di individui e famiglie. Ha mostrato il ruolo che essa può giocare nel riproporre o addirittura amplificare le disuguaglianze sociali”.

Di qui l’impegno della Regione Toscana per aiutare le famiglie in maggiore difficoltà.
All’affitto sono stati dati 13 milioni di euro per i bandi ordinari e ci sono state 20mila domande (4mila in più dell’anno prima). Quasi 8 milioni hanno costituito il fondo regionale straordinario Covid, dai fondi europei anche per il 2021 ci sono 13,3 milioni.
Pochi gli sfratti per il blocco imposto dal “Cura Italia”, anche se la situazione adesso potrebbe di nuovo complicarsi.

Erp, alternativa al mercato delle case

E poi ci sono gli alloggi Erp, le “case popolari”, che ospitano 115mila inquilini divisi in 46mila nuclei familiari. Sono 5907 gli edifici e quasi 50mila gli alloggi i in Toscana. Metà di questi risalgono a prima del 1970 e dunque hanno bisogno di interventi di ristrutturazione. Solo il 10% degli immobili è recente, altri 350 sono in costruzione ora o consegnati da poco.
La domanda tuttavia è in crescita, visto che aumentano i “nuovi poveri”.
I nuclei attualmente residenti in alloggi di Erp sono 46.134 su tutto il territorio regionale, e sono mediamente composti da 2,5 persone, per un totale di 114.664 inquilini. Di recente con una legge approvata dal Consiglio regionale sono stati modificai i criteri per le graduatorie di accesso.
La Regione ha destinato 32,4 milioni di euro per interventi di manutenzione, qualificazione, efficientamento energetico e ripristino del patrimonio ERP.

Servizi nei nostri telegiornali.

Condividi questo articolo

Pubblicità