Omicron blinda le feste, ecco come riconoscerlo

ROMA- L’ Omicron impone nuove blindature in questo periodo di ferie natalizie e la stagione invernale.

l’obbligo di mascherine all’aperto anche nelle regioni bianche. FFP2 nei cinema, teatri, eventi sportivi e sui mezzi pubblici. Super Green Pass nei ristoranti ai bar, anche per i servizi al banco, questo almeno fino al 31 gennaio mentre dal giorno dopo, il 1° febbraio lo stesso Green Pass calerà di valore a 6 mesi. Anche la acquisizione della terza dose avverrà in tempi più brevi, scendendo da 5 a 4 mesi.

Queste le decisioni assunte dalla cabina di regioa a Palazzo Chigi tra le forze di maggioranza e il premier Mario Draghi per contrastare l’ondata della variante Omicron.

Una variante che era stata segnalata alla fine di novembre aver raggiunto l’Europa dal Sud Africa. Una capacità di contagio elevatissima se alla fine di un mese dalla sua apparizione, in Italia rappresenta il 28,2% dei contagi registrati, il tasso di occupazione delle terapie intensive è al 10,7% e sono numeri che tendono a crescere.

Un altra cosa particolare che riguarda questa nuova variante del Coronavirus è che sembri causare sintomi più lievi rispetto alle altre varianti e comunque un po' diversi dai primi ceppi del patogeno pandemico.

Questa particolarità emerge dal più ampio degli studi in funzione, il progetto di ricerca ZOE Covid Sympton Study nel quale milioni di pazienti segnalano autonomamente i propri sintomi.

Si basa su un'applicazione per dispositivi mobili ed è coordinato dall'illustre professor Tim Spector, docente di Epidemiologia Genetica e direttore presso il Dipartimento del King's College di Londra.

L’Omicorn sembrerebbe assimilabile più ad un raffreddore che ad una influenza. Più del 50% dei contagiati non presenta tosse, febbre, perdita dell’olfatto, che sono invece considerati i tre sintomi principali della COVID-19, Tra i sintomi “rilevatori” del nuovo ceppo vi sono la rinorrea (il naso che cola); il mal di testa; l'affaticamento più o meno marcato; starnuti, seguiti da mal di schiena, sudorazione notturna, dolori muscolari. Insomma si pensa per fortuna sia solo un raffreddore, tipico di inverno e ci si rincuora, continuando ad agire come sempre e permettendo a questa variante di diffondersi incredibilmente.

Ne parliamo nei nostri notiziari che possono essere visti in contemporanea su cellulare e smartphone con la diretta di Live Tv.

Condividi questo articolo

Pubblicità